Presentata la Scuola per la creazione e il cambiamento d’impresa

    229

    L’iniziativa congiunta della Camera di Commercio di Bari e del Ciheam Bari

    Sottoscritto stamane, nella sede dell’Istituto di Bari del Ciheam, l’accordo operativo tra Camera di Commercio di Bari e Ciheam Bari con il quale nasce, in collaborazione con la Regione Puglia, la Scuola per la Creazione e il Cambiamento d’Impresa. Uno spazio che ha sede nel Local Point del Progetto Noble Ideas realizzato nell’Istituto di Bari del Ciheam, dove la cultura e le competenze di una comunità vengono trasferite ai giovani, per la crescita di una nuova imprenditorialità innovativa e aperta alle relazioni internazionali.
    «Un luogo non solo fisico, ma un programma con contenuti e strategie condivise su cui puntare l’attenzione e far crescere un neonato ecosistema – sono le parole del Segretario Generale del Ciheam, Cosimo Lacirignola – utilizzando una metodologia crossing con cui formare i giovani innovatori all’insegna di una diversa definizione del territorio, stabilendo un innovativo scambio di esperienze e competenze fra giovani e imprese anche di Paesi diversi».
    La Scuola per la Creazione e il Cambiamento d’Impresa si propone come luogo per insegnare il cambiamento e l’innovazione e per trasferire anche tali conoscenze alle «imprese» già avviate che hanno, comunque, bisogno di crescere e maturare attraverso una nuova cultura e nuove competenze. La formazione verrà sempre intesa in termini assolutamente partecipativi e interattivi con eventi che riducano il più possibile il tradizionale momento «informativo» in aula, sostituendolo con action learning, seminari on line e altre metodologie che privilegiano situazioni aperte con discussioni e azioni in laboratorio. I programmi di studio, inoltre, saranno concepiti in base alle esigenze manifestate dai giovani innovatori.
    «La scuola è aperta a tutte le possibili sinergie con altre istituzioni presenti sul territorio – ha sottolineato il Presidente della Camera di Commercio di Bari, Alessandro Ambruosi – vista la necessità di costruire un luogo comune di riferimento per tutte le iniziative di creazione d’impresa e di sviluppo dell’imprenditoria giovanile. Abbiamo incrociato le esperienze maturate in iniziative come Valoreassoluto e Nobles ideas nella creazione di start up e ci siamo resi conto che l’idea imprenditoriale, seppur altamente innovativa, non basta: è necessario accompagnare i giovani con la formazione nel passaggio all’impresa vera e propria, affinché siano pronti a rapportarsi al mercato».
    All’incontro erano presenti, tra gli altri, Guglielmo Minervini, Assessore regionale alle Politiche giovanili, Fabrizio Nardoni, Assessore alle Risorse agroalimentari, Antonio Barile, Presidente della Cia Puglia, Angelo Petruzzella, presidente regionale Legacoop, Raffaele Avantaggiato, Direttore Generale di UBI Banca Carime, il professor Vito Savino in rappresentanza del rettore dell’Università di Bari, il professor Domenico Morrone in rappresentanza del rettore della LUM, Stefano Marastoni per l’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione (Arti) Puglia.