Svolta, l’Indonesia punisce i responsabili degli incendi forestali

321

È la prima volta che il governo ha revocato le licenze aziendali su incendi boschivi, un evento annuale causato da debbio. Oltre mezzo milione di persone ha sofferto di infezioni respiratorie acute a causa del fumo degli incendi in Indonesia, ma anche nei paesi vicino come Singapore e in Malesia numerose persone si sono ammalate

Con una mossa senza precedenti, il governo indonesiano ha deciso di punire oltre venti imprese ritenute responsabili dei terribili incendi forestali che hanno ucciso 19 persone, lo ha detto martedì un funzionario del governo. Le piantagioni, per la maggior finalizzate alla produzione di carta a Sumatra e Kalimantan, hanno avuto le loro licenze commerciali sospese. Le aziende comprendono Bmh e Swi, che hanno concessioni in South Sumatra: la Bmh è un fornitore di Asia Pulp & Paper (App). Bmh, Swi e App hanno la stessa casa madre, il gruppo Sinar Mas. Le sospensioni dovrebbero essere revocate se, entro i prossimi due anni, le imprese mostreranno di aver compiuto significativi progressi nella prevenzione degli incendi.

Altre tre imprese sono state chiuse definitivamente dopo avere visto le loro licenze revocate, a causa del loro ruolo negli incendi che hanno soffocato l’intera regione del sud-est asiatico e che sono costati all’Indonesia 16 miliardi di dollari. Tra queste, Mega Alam Sentosa (Mas), un’altra impresa controllata dal gruppo Sinar Mas (di cui la App fa parte).
È la prima volta che il governo ha revocato le licenze aziendali su incendi boschivi, un evento annuale causato dalla pratica del debbio, una forma di disboscamento per mettere a coltura specie agricole.
Molte altre imprese hanno ricevuto un forte allarme e saranno tenute sotto sotto stretto controllo. «Abbiamo sanzionato 23 aziende in totale, che vanno dalle sanzioni amministrative a revoca della licenza, mentre altri 33 sono ancora in osservazione, potrebbero avere le loro licenze revocate anche se saranno ritenute colpevoli», spiega il funzionario del ministero dell’ambiente Kemal Amas. Il ministero ha indagato in totale 276 imprese da quando sono scoppiati gli incendi nel mese di settembre. «Dobbiamo applicare la legge, in modo che questa catastrofe non si ripeta, dura da 18 anni ma nessuno ha ancora imparato la lezione», ha aggiunto Amas.
Gli ambientalisti hanno accolto il nuovo impegno del governo di punire le imprese. Il Forum indonesiano dell’Ambiente (Walhi) ha detto che era inaudito per il governo il ritiro delle licenze, dato che queste imprese sono sempre riuscite a evitare i processi. «Il ministro ha avuto il coraggio di bloccare non solo il funzionamento delle imprese, ma anche di perseguire i proprietari in una causa civile, questo è grande e questo è un passo molto importante – ha commentato Kurniawan, di Walhi Riau -. In passato alcuni individui sono stati investigati, ma questa è la prima volta che le imprese responsabili perdono la licenza».
Oltre mezzo milione di persone ha sofferto di infezioni respiratorie acute a causa del fumo degli incendi in Indonesia, ma anche nei paesi vicino come Singapore e in Malesia numerose persone si sono ammalate.