E dopo Parigi chi vivrà vedrà…

381

Cioè, realisticamente, nessuno dei firmatari dell'accordo.
 È anche per questo che il rispetto degli impegni assunti verrà verificato con cadenze quinquennali a partire dal 2018. Mentre il 2023 sarà l'anno nel quale si procederà alla prima vera e propria revisione per il taglio sostanzioso della produzione di CO2 In una divertente vignetta di Bucchi su […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.