La percezione dei fenomeni

164

La crisi climatica è efficacemente descritta, da alcuni, come un disastro al rallentatore. I cambiamenti avvengono così lentamente che non riusciamo a percepirli, anche se la loro evoluzione, nel caso del clima, procede verso i limiti di una catastrofe. C’è ora il rischio che questa situazione, quando apparirà nel pieno della sua gravità, possa trasformarsi in un allarme improvvisamente rilevato da quell’immenso numero di individui che hanno sempre confidato nella capacità della Natura e della tecnologia di rimettere le cose al loro posto.

In questa situazione, oltre a cercare rimedi per evitare la catastrofe annunciata, sarà necessario, anche, provvedere a non creare paure, che possono degenerare in un incontrollabile panico. Di fronte a questo rischio, è urgente, quindi, attivare, nell’immediato, interventi efficaci, per contenere, in tempo, le cause di questa possibile catastrofe e non limitarsi a decidere solo ulteriori conferenze per manifestare la buona volontà di attenuare solo gli effetti.

Condizioni che alterano gli equilibri naturali