«Non mi rifiuto», la campagna di educazione ambientale parla a suon di rap

302

L’iniziativa andrà a supportare le attività delle amministrazioni comunali nelle attività di sensibilizzazione ambientale parlando ai giovani con il linguaggio della musica a loro più familiare

È stata presentata a Roma la campagna «Non mi rifiuto», prima campagna di educazione alla raccolta differenziata e al riciclo che utilizza la musica come linguaggio espressivo.
L’iniziativa è realizzata da Ancitel Energia&Ambiente con il patrocinio dell’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) e del ministero dell’Ambiente e in collaborazione con CiAl, Ecolamp, Comieco, CoReVe, Italgrob, Rilegno, Ricrea, Revet, Cobat, Ama, European Recycling Platform e Provincia di Rieti.
Sarà la prima campagna di educazione ambientale «a chilometro zero», perché tutti i Comuni d’Italia potranno scaricare gratuitamente il format «Non mi rifiuto» e utilizzarlo per promuovere sul proprio territorio buone pratiche di raccolta e riciclo.
Una campagna che andrà a supportare le attività delle amministrazioni comunali nell’andare a creare quel substrato di sensibilizzazione ambientale parlando ai giovani con il linguaggio della musica a loro più familiare: il rap.
Un tessuto di note e parole dal quale sono nate una canzone orecchiabile e divertente, realizzata assieme ad un autore molto amato tra i giovani, Marco Lena in arte Blebla, e un video coinvolgente e potenzialmente di grande impatto virale sul web. A integrazione e corredo del video è stato realizzato il format «Non mi rifiuto» che prevede una serie di strumenti di comunicazione personalizzabili da ogni Comune e consistenti in un manifesto della campagna, in magliette, un folder di educazione alla raccolta differenziata e al riciclo e uno spot radiofonico.
Filippo Bernocchi, Delegato Anci Energia e Rifiuti, spiega: «Si tratta di una campagna di comunicazione che racconta il tema dei rifiuti e della loro corretta gestione in maniera decisamente innovativa. La difesa dell’ambiente e il riciclo sono argomenti di fondamentale importanza nell’agenda politica italiana ed europea, perché i rifiuti rappresentano l’elemento essenziale nel passaggio da un’economia lineare a un’economia circolare: una sfida nella quale i Comuni giocano già, e dovranno giocare sempre di più nel prossimo futuro, un ruolo di primo piano. Questa iniziativa supporterà le amministrazioni locali nelle fondamentali attività di comunicazione ed educazione alla corretta raccolta differenziata, contribuendo ad accrescere la sensibilità dei cittadini sull’importanza di queste tematiche».
Un progetto nato dal basso, ovvero dalle esigenze dei Comuni che intendono educare i cittadini alla cultura del riciclo, ma che può arrivare lontano grazie alla mobilitazione dei giovani che non sono altro che i cittadini del futuro testimonial di messaggi positivi a difesa dell’ambiente.
E verrà trasmesso oggi pomeriggio il brano del rapper Blebla sulle corrette modalità di raccolta differenziata e riciclo, diffuso su Radio 101 all’interno della trasmissione di Stefano Mastroliti.
Nel sito della campagna è possibile scaricare gratuitamente i materiali propagandistici ed anche personalizzare il materiale e accedere ad ulteriori servizi.