Chi ha perso veramente

252
foto A. Perrini

Ma anche se il deserto dovesse bussare alle porte di casa, l’uomo non penserà mai di aver sbagliato né si ricorderà quando ha votato e quando non ha votato perché lui pensava a portare il pane per i figli, a sopravvivere ai bombardamenti, a trovare un tetto… Altri avrebbero dovuto pensare diversamente per questo le sue responsabilità sono maggiori

Il quorum non raggiunto del referendum sulle trivelle

Non c’è da leccarsi nessuna ferita, non c’è alcuna sconfitta. La strada verso la sostenibilità e la piena armonia con la biosfera è lunga. Se si è minoranza vuol dire che non abbiamo spiegato bene, vuol dire che le parole sono cadute su un terreno arido. Bisogna ulteriormente affinare la nostra comunicazione e far capire la connessione che lega noi alla natura e non la superiorità su una natura che stiamo distruggendo.
Un uomo che bastona un cane non è superiore al cane.
Se si fanno referendum per uscire dall’Europa, se si alzano muri, se si decide di ammazzare animali che sono in soprannumero (rispetto alle nostre esigenze) vuol dire che la corazza dell’egoismo è ben salda sul nostro corpo.
Se a Ravenna dove studi hanno dimostrato la connessione fra estrazioni petrolifere e subsidenza, non hanno avuto la sensibilità di fermare questo scempio, vuol dire che rende di più spendere miliardi per colmare i danni che andare verso una realtà ambientalmente sana. Come rendono di più le balere, la droga e la prostituzione.
Ambiente sì, finché mi rende… Le valli, il bianco manto di neve artificiale, la pace dei prati fra i monasteri… com’è bella la natura e quanto mi rende!
Ma anche se il deserto dovesse bussare alle porte di casa, l’uomo non penserà mai di aver sbagliato né si ricorderà quando ha votato e quando non ha votato perché lui pensava a portare il pane per i figli, a sopravvivere ai bombardamenti, a trovare un tetto… Altri avrebbero dovuto pensare diversamente per questo le sue responsabilità sono maggiori.
I cambiamenti climatici, le trivelle, il solare tutti problemi abilmente tenuti separati dal potere e dall’ignoranza. Coraggio, l’alfabetizzazione ambientale è lunga perché non coinvolge solo la ragione ma un modo di porsi dell’uomo nei confronti di tutti gli altri: uomini, animali, piante, pietre, aria, acqua…