Plastica in mare, manca ancora un protocollo

451

Dieci partner europei, tra i quali Ispra, per un progetto sui grandi rifiuti flottanti abbandonati nei nostri mari: obiettivo è definire un protocollo operativo unico per tutto il Mediterraneo

Partito da pochi mesi, il Progetto Medsealitter mette assieme dieci partner europei dalla Francia, Italia, Grecia e Spagna, che che in questi anni hanno lavorato al rilevamento e analisi del marine litter.

Molte organizzazioni del Mediterraneo stanno operando su questi temi. Tuttavia ad oggi manca ancora un protocollo comunemente accettato che permetta di valutare l’inquinamento da rifiuti marini. Oltre a conoscere meglio il fenomeno del marine litter, Medsealitter metterà a punto diversi protocolli per l’individuazione dei macro-rifiuti flottanti (uso dei droni, monitoraggio da aereo, osservazione a bordo di piccole navi o traghetti) per poi sperimentare l’applicazione sulle aree marine protette europee. Inoltre, il progetto valuterà l’efficacia dell’impatto regolatorio, per vedere se i decreti sulla riduzione della plastica risultano adeguati.

Per maggiori informazioni visita la pagina del sito Ispra dedicata al progetto.

Il progetto è una delle numerose iniziative dedicate al mare su cui Ispra lavora.

 

(Fonte Snpa)