Riutilizzo delle acque per usi agricoli, cambiano le norme Ue

1816

Per stimolare e facilitare il riutilizzo nell’Ue delle acque per l’irrigazione agricola. Il riutilizzo delle acque è oggi molto al di sotto delle sue potenzialità, con la conseguenza che l’impatto ambientale e l’energia necessaria per l’estrazione e il trasporto di acqua dolce incidono molto più del necessario

La Commissione propone nuove norme che intendono stimolare e facilitare il riutilizzo nell’Ue delle acque per l’irrigazione agricola. Le nuove norme contribuiranno ad aiutare gli agricoltori a fare il miglior uso possibile delle acque reflue non potabili, per alleviare la scarsità idrica e contemporaneamente proteggere l’ambiente e i consumatori.

Che cosa propone la Commissione?

♦ Requisiti minimi per il riutilizzo delle acque reflue trattate provenienti da impianti di trattamento delle acque reflue urbane, riguardo sia elementi microbiologici (ad esempio, i livelli dei batteri E. coli) sia requisiti di monitoraggio incentrati sulla frequenza dei controlli e sul monitoraggio di convalida. Fissare requisiti minimi garantirà che l’acqua depurata prodotta in conformità delle nuove norme sia sicura per l’irrigazione.

♦ Gestione del rischio, per fare in modo che gli eventuali rischi supplementari siano affrontati rendendo le acque sicure per il riutilizzo.

♦ Maggiore trasparenza, così che il pubblico abbia accesso alle informazioni online sulle pratiche di riutilizzo delle acque nei rispettivi Stati membri.

 

Il riutilizzo delle acque nell’Unione europea è oggi molto al di sotto delle sue potenzialità, con la conseguenza che l’impatto ambientale e l’energia necessaria per l’estrazione e il trasporto di acqua dolce incidono molto più del necessario. Inoltre, un terzo del territorio dell’Ue soffre di stress idrico durante tutto l’anno e le carenze idriche continuano a costituire un’importante fonte di preoccupazione per molti Stati membri dell’Ue.

Anche il manifestarsi di condizioni meteorologiche sempre più imprevedibili, che includono notevoli episodi di siccità, avranno con tutta probabilità conseguenze negative sia sulla quantità sia sulla qualità delle risorse di acqua dolce. Le nuove norme si propongono di garantire che si faccia l’uso migliore delle acque trattate provenienti da impianti di trattamento delle acque reflue urbane, fornendo un’alternativa affidabile per l’approvvigionamento idrico.

La nuova normativa rende utilizzabili le acque reflue non potabili contribuendo anche al risparmio di costi economici e ambientali connessi alla creazione di nuove fonti di approvvigionamento idrico.

Il regolamento proposto dalla Commissione europea intende alleviare la scarsità di risorse idriche in tutta l’Ue, nel contesto dell’adattamento ai cambiamenti climatici, garantendo che le acque reflue trattate destinate all’irrigazione agricola siano sicure e proteggendo i cittadini e l’ambiente.

 

(Fonte Arpat)