Noe di Catania sequestra cava di sabbia di 80.000 mq

    449
    noe catania cava di sabbia abusiva

    L’attività estrattiva esercitata nonostante l’autorizzazione fosse scaduta dal 2015. Una persona denunciata. Sono state riscontrate anche violazioni penali relative all’omessa denuncia dell’inizio dei lavori alle competenti autorità e alla mancata nomina del direttore dei lavori prevista per legge

    I Carabinieri del Noe di Catania, nella prosecuzione delle attività di controllo nel settore delle cave predisposta dal Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale, hanno proceduto a effettuare un’attività ispettiva in una cava di «sabbia marina» sita in contrada Piano Colla del Comune di Acate.

    All’atto della verifica è emerso che la ditta che esercitava l’attività estrattiva era sprovvista della regolare autorizzazione, di competenza del Distretto Minerario di Catania, in quanto quella precedentemente posseduta era scaduta nell’anno 2015 e non era stata ulteriormente prorogata.

    Sono state riscontrate anche violazioni penali relative all’omessa denuncia dell’inizio dei lavori alle competenti autorità e alla mancata nomina del direttore dei lavori prevista per legge.

    Al termine delle operazioni è stata posta sotto sequestro preventivo l’intera area di cava pari ad 80.000 mq., nonché una pala gommata ed un autoarticolato utilizzato per il trasporto del materiale estratto abusivamente.

    Il sequestro è stato convalidato dall’Ufficio del Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Ragusa su parallela richiesta del Magistrato di turno.

    La titolare dell’azienda e proprietaria dei mezzi è stata deferita alla Procura della Repubblica di Ragusa.

     

    (Comando Generale Carabinieri)