Se si allungano le ondate di calore

1066
desertificazione aridità clima

Uno studio condotto da ricercatori di Climate Analytics e Università Humboldt di Berlino. «Il nostro studio ha scoperto che se il mondo si riscaldasse di 2°C sopra i livelli preindustriali, potremmo vedere un cambiamento significativo nelle condizioni meteorologiche estive rispetto ai modelli che conosciamo oggi. Le condizioni meteorologiche estreme diventerebbero più persistenti: periodi caldi e asciutti, così come i giorni consecutivi di forti piogge, si allungherebbero tutti»

Europa, Nord America e parti dell’Asia possono aspettarsi periodi non solo più intensi ma anche più duraturi di calore, siccità e pioggia durante l’estate mentre il pianeta si riscalda, peggiorando gli impatti sulla salute e sull’agricoltura, secondo uno studio condotto da ricercatori di Climate Analytics e Università Humboldt di Berlino.

Lo studio, «Il clima estivo diventa più persistente in un mondo di 2°C», pubblicato oggi sulla rivista «Nature Climate Change», mostra anche che limitare il riscaldamento globale a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali in linea con l’accordo di Parigi eviterebbe ampiamente questi impatti aggiuntivi.

Questo è il primo studio a dimostrare che, rispetto al clima odierno, la persistenza di periodi estivi relativamente caldi, asciutti e piovosi aumenterebbe nella zona temperata dell’emisfero settentrionale se le temperature globali aumentassero di 1,5°C e 2°C sopra i livelli preindustriali.

La maggiore persistenza del clima caldo unita al riscaldamento globale porterà a ondate di calore molto più gravi in futuro.

«Il nostro studio ha scoperto che se il mondo si riscaldasse di 2°C sopra i livelli preindustriali, potremmo vedere un cambiamento significativo nelle condizioni meteorologiche estive rispetto ai modelli che conosciamo oggi. Le condizioni meteorologiche estreme diventerebbero più persistenti: periodi caldi e asciutti, così come i giorni consecutivi di forti piogge, si allungherebbero tutti», ha dichiarato l’autore principale Peter Pfleiderer di Climate Analytics e Humboldt University.

Gli impatti di questi estremi di clima caldo e secco sulla salute, sugli ecosistemi, sull’agricoltura e sull’economia crescono significativamente più a lungo persistono queste condizioni. Allo stesso modo, più giorni consecutivi di forti piogge aggravano il rischio di gravi inondazioni.

Recenti esempi di clima da record in Nord America, Europa e Asia settentrionale forniscono un concreto esempio di come la persistenza di tali condizioni influisca sulla complessità del clima. Durante l’ondata di caldo europea del 2018, diversi periodi di caldo e secco, per la durata di una settimana, hanno contribuito a ridurre del 15 percento la produzione di grano in Germania. Negli Stati Uniti, gli ultimi 12 mesi sono stati i più umidi mai registrati, poiché gli Stati Uniti centrali stanno vivendo settimane di continue piogge alluvionali.

Secondo lo studio, se il mondo si riscalda a 2°C al di sopra dei livelli preindustriali, la possibilità di periodi caldi che durano più di due settimane aumenta del quattro percento, rispetto al clima di oggi. Questo cambiamento sarebbe più pronunciato in Nord America orientale, Europa centrale e Asia settentrionale.

I periodi di caldo e secco che durano più di due settimane diventerebbero il 10 percento più probabili nel Nord America centrale.

I periodi di pioggia intensa aumenterebbero di più: il 26 percento in più nell’intera zona temperata settentrionale rispetto ad oggi.

«Possiamo aspettarci impatti crescenti da condizioni meteorologiche estreme a livelli più elevati di riscaldamento, ma la nostra ricerca mostra che limitare il riscaldamento a 1,5°C, come concordato dai governi che hanno firmato l’accordo sul clima di Parigi, li ridurrebbe notevolmente. Tenendo presente che l’attuale lento ritmo di riduzione delle emissioni mette il mondo sulla buona strada a 3°C, il nostro studio sottolinea la necessità di un’azione urgente», afferma Carl-Friedrich Schleussner di Climate Analytics e Humboldt University.

Lo studio esamina anche in profondità i processi fisici che possono spiegare la maggiore persistenza meteorologica.

«I modelli climatici mostrano un sistematico indebolimento della circolazione atmosferica estiva su larga scala, inclusi il Jetstream e le piste di tempesta, mentre il pianeta si riscalda. L’aumento della persistenza meteorologica può essere collegato a un indebolimento di questa circolazione. Mentre rallenta, le condizioni di caldo e secco possono accumularsi nei continenti, ma anche i cicloni che portano la pioggia possono persistere più a lungo in un punto», ha affermato l’autore Dim Coumou della Vrije Universiteit Amsterdam.

  • Il clima estivo diventa più persistente in un mondo a 2°C; Peter Pfleiderer, Carl-Friedrich Schleussner, Kai Kornhuber, Dim Coumou, Cambiamenti climatici naturali https://doi.org/10.1038/s41558-019-0555-0

(Fonte Cindy Baxter, Climate Analytics)