Dallo spazio Cristal monitorerà gli oceani

879
CRISTAL artist view Copyright Airbus 2020

La Thales Alenia Space, joint venture tra la francese Thales (67%) e l’italiana Leonardo (33%), ha siglato oggi un contratto di circa 88 milioni di euro con Airbus Defence and Space, primo contraente del satellite, per sviluppare i due radar altimetri interferometrici Iris (Interferometric Radar Altimeter for Ice and Snow) per la missione Cristal (Copernicus polaR Ice and Snow Topography Altimeter)

Con il 70 per cento circa, di acque che coprono il nostro pianeta, il lavoro di monitoraggio continuo e con apparati sempre più sofisticati di mari e oceani prosegue. E lo si fa dallo spazio, postazione privilegiata per un controllo «globale», e con quei satelliti che l’Europa dello spazio mette in «cantiere» (con partecipazione dell’industria e della scienza italiana) e continua a finanziare, a differenza della Nasa, ad esempio, da qualche anno bloccata dal taglio dei finanziamenti riguardanti il settore dell’osservazione della Terra e telerilevamento.

La Thales Alenia Space, joint venture tra la francese Thales (67%) e l’italiana Leonardo (33%), ha siglato oggi un contratto di circa 88 milioni di euro con Airbus Defence and Space, primo contraente del satellite, per sviluppare i due radar altimetri interferometrici Iris (Interferometric Radar Altimeter for Ice and Snow) per la missione Cristal (Copernicus polaR Ice and Snow Topography Altimeter).

Cristal è un satellite che fa parte dell’ampliamento del programma Copernicus dell’Agenzia spaziale europea (Esa), in partnership con la Commissione europea. Copernicus, programma europeo di punta, fornisce dati di osservazione della Terra e in situ e un’ampia gamma di servizi per il monitoraggio e la protezione ambientale, il monitoraggio del clima e la valutazione delle catastrofi naturali per migliorare la qualità della vita dei cittadini europei.

Cristal trasporterà, per la prima volta, un radar altimetro a doppia frequenza nelle bande Ku/Ka per misurare e monitorare lo spessore del ghiaccio marino e lo spessore della neve che lo ricopre. La misurazione dello spessore del ghiaccio marino sarà di supporto alle operazioni marittime e sarà di aiuto nella pianificazione delle attività nelle regioni polari. Inoltre, Iris misurerà e monitorerà la variazione dell’altezza delle calotte di ghiaccio e dei ghiacciai nel mondo, grazie alla possibilità di operare nella modalità radar interferometrico. Iris migliorerà in modo significativo l’accuratezza della misurazione fornita dal suo predecessore Siral-2 (un altimetro in sola banda Ku, attualmente a bordo della missione CryoSat 2 dell’Esa) grazie al funzionamento a doppia frequenza e aggiungendo la misurazione dell’altezza della superficie marina tra gli obiettivi della missione. La missione Cristal, che ha una portata mondiale, è essenziale per comprendere meglio e per monitorare il clima terrestre in un contesto di rapido cambiamento climatico.

Hervé Derrey, Ceo di Thales Alenia Space ha dichiarato: «Fornendo l’altimetro Iris a bordo di Cristal, Thales Alenia Space è entusiasta di contribuire al miglioramento dei dati già forniti da Siral-2 a bordo di CryoSat e di assicurare così la continuità del monitoraggio dei ghiacci. Le regioni polari hanno una influenza reale sui modelli climatici a livello globale, sulla circolazione termoalina e sull’equilibrio energetico del pianeta. Pertanto, un programma a lungo termine per monitorare la topografia dei ghiacci polari, degli oceani e delle nevi è quindi di estremo interesse agli utilizzatori sia operativi che scientifici delle misure dell’Artico e dell’Antartico».

Marc-Henri Serre, Vicepresidente Osservazione e Scienza di Thales Alenia Space in Francia ha aggiunto: «Thales Alenia Space porterà la propria esperienza e consolidata eredità nel campo dell’altimetria spaziale al servizio di questa missione cruciale per la comprensione e il monitoraggio climatico così come il suo patrimonio acquisito grazie a Siral-2».

L’industria europea è mobilitata: Thales Alenia Space con sede in Francia è primo contraente per l’altimetro Iris, con il contributo di Thales Alenia Space in Belgio per l’alimentazione elettrica degli amplificatori di potenza a stato solido in banda Ku e Ka e di Thales Alenia Space in Italia per l’Oscillatore ultra-stabile. Thales Alenia Space in Spagna fornirà il transponder in banda S (SBT) del satellite Cristal.

 

Antonio Lo Campo