Villetta Barrea, il bosco non si può tagliare

1650
Villetta Barrea e la Pineta Zappini
Villetta Barrea e la Pineta Zappini

La Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila non ha autorizzato alcun taglio boschivo nella Pineta. L’azione del Gruppo d’Intervento Giuridico

Dopo la segnalazione di pericolo per la nota pineta di Villetta Barrea, l’attenzione sollecitata da Franco Tassi, numerosi sono stati gli interventi che si sono susseguiti. Significativa l’azione del Gruppo d’Intervento Giuridico, di cui riportiamo quest’ultimo comunicato.

La Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila non ha autorizzato alcun taglio boschivo nella Pineta di Villetta Barrea.

Prime rapide risposte all’istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti inoltrata (4 settembre 2022) dall’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) in merito al taglio boschivo progettato a fini antincendio nella Pineta Zappini di Villetta Barrea (AQ).

La Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila ha comunicato (nota prot. n. 13612 del 7 settembre 2022) di non aver rilasciato alcuna autorizzazione o parere in favore del diradamento della Pineta.

Ed essendo la Pineta tutelata con vincolo paesaggistico anche frutto di specifico provvedimento di individuazione dell’area (D.M. 14 ottobre 1977), senza il parere favorevole della competente Soprintendenza non si può legittimamente tagliare nemmeno un albero.

L’importanza della Pineta Zappini

In Abruzzo, fra i tanti, esiste uno dei più pregevoli gioielli ambientali dell’Appennino e va difeso da interventi decisamente discutibili.

La Pineta di Pino nero conosciuta come Pineta Zappini emerge quale popolazione relitta dell’ultima glaciazione. La sua esistenza, lungo le pendici del Monte Mattone, è citata in atti risalenti ad almeno il XVII secolo.

Si tratta di un ecosistema strutturato e fondamentale all’interno dell’area naturale protetta, ospitando specie animali e vegetali, importanti, uniche, endemiche e a volte rare: in estrema sintesi l’Orso marsicano (Ursus arctos marsicanus), lo Scoiattolo meridionale (Sciurus meridionalis), il Tasso (Meles meles), la Martora (Martes martes), il Picchio di Lilford (Dendrocopos leucotos), Artropodi indissolubilmente legate ai Pini, diverse Orchidee del genere Orchis, Aceras, Limodorum, Cephalanthera, Epipactis.

La Pineta insiste su una struttura geologica delicatissima. Un qualsiasi intervento invasivo e non ponderato, potrebbe determinare un grave dissesto, con grave rischio per il sottostante centro abitato di Villetta Barrea.

In una parte del sito, che dovrebbe essere interessato di tagli boschivi, insiste una enorme frana che, guarda caso, è stata ricolonizzata proprio dai Pini neri, certo non per intervento umano. In assenza di copertura boschiva, il terreno già di per sé delicato, rimarrebbe esposto agli effetti degli eventi meteorici.

Le norme di tutela

La Pineta Zappini rientra nel parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, è tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e rientra nella zona speciale di conservazione (Zsc) «Parco nazionale d’Abruzzo» (IT1100205) e nella zona di protezione speciale (Zps) «Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise», ai sensi delle direttive n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat naturali e seminaturali, la fauna e la flora e n. 09/147CE sulla salvaguardia dell’avifauna selvatica.

Il progetto di diradamento della Pineta e le alternative

I tagli boschivi previsti in un discutibile intervento di prevenzione antincendio costituiscono un serio pericolo ambientale e per la difesa del suolo.

Il programma sostenuto da fondi comunitari «Parchi per il clima 2019 Tipologia IV – Interventi per la gestione forestale sostenibile, Categoria I – Interventi di gestione “Interventi di riduzione del rischio di incendi boschivi – Pineta di Villetta Barrea (AQ)”», è promosso dall’Ente Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e comporta il taglio di almeno 3.400 esemplari adulti su una superficie complessiva di 15 ettari di Pino nero (Pinus nigra subsp. nigra var. italica) nella Pineta Zappini.

La dichiarata finalità è quella di prevenzione antincendio per il centro abitato di Villetta Barrea.

Gli alberi tagliati non bruciano, ma vi sono metodi alternativi per difendere il bosco e i paesi vicini:

a) realizzazione di un sistema di monitoraggio continuo, tramite una rete di telecamere con segnali di allarme;

b) potenziamento della struttura della Protezione Civile locale, già in parte attrezzata per le emergenze;

c) aumento del personale di sorveglianza attiva;

d) stoccaggio di moduli contenenti liquido ritardante;

e) possibilità di utilizzare, nel deprecato caso di evento, la notevole riserva d’acqua del vicinissimo Lago di Barrea;

f) valorizzazione naturalistica e culturale di un bosco che rappresenta un unicum nell’Appennino, anche per sensibilizzare i fruitori ad una frequentazione attenta e rispettosa.

L’azione legale in difesa della Pineta Zappini

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) ha raccolto le preoccupatissime segnalazioni di residenti, esperti, personalità del mondo scientifico, sfociate anche in una recente petizione popolare, e ha inoltrato (4 settembre 2022) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti ai Ministeri della Cultura e della Transizione Ecologica, alla Regione Abruzzo, all’Ente Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, alla Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila, al Comune di Villetta Barrea, ai Carabinieri Forestale, con l’obiettivo di evitare dei tagli boschivi che appaiono tutt’altro che necessari e, per giunta, dannosi.

Sembra che il ricavato sia di 750-800 tonnellate di legno per un valore di 11-12mila euro: ben poco per un ipotizzabile danno ambientale di notevoli proporzioni.

Ora le informazioni pervenute dalla Soprintendenza aquilana fanno ben sperare in un sussulto di buon senso da parte delle Amministrazioni pubbliche competenti.

 

(Fonte Gruppo d’Intervento Giuridico)