Ma l’Autorità di Bacino non ha avuto finanziamenti

1147
acqua fiume lago depurazione

L’Autorità di bacino del Distretto dell’Appennino meridionale non ha ancora ricevuto i fondi per stabilizzare il personale precario. Strutture con 800 dipendenti in tutt’Italia e ancora largamente sottodimensionate. Cgil, Cisl e Uil hanno convocato, per la mattina del 20 settembre, un sit-in dei dipendenti dell’Autorità di bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale, davanti alle Prefetture di Caserta e Bari

L’Italia, bellissima e fragile, soffre sempre di più ed è veramente nauseante l’ipocrisia che governa la politica. All’ennesima tragedia per i cambiamenti climatici, per la deturpazione del territorio, per lo sfruttamento dannoso della natura, per l’indifferenza per il patrimonio naturale che se ben gestito aiuta le gestione del suolo si assiste ad una carrellata di promesse ben sapendo che va messo mano con urgenza all’impalcatura di leggi ed interventi. Esemplare è purtroppo tristemente illuminante è il comunicato stampa di Cgil, Cisl e Uil, che riportiamo integralmente.

 

L’Autorità di bacino del Distretto dell’Appennino meridionale non ha ancora ricevuto i fondi per stabilizzare il personale precario già in possesso dei requisiti richiesti dalla legge Madia per la stabilizzazione.

Stiamo parlando di uno dei Distretti idrografici italiani più complessi e estesi del territorio italiano, bagnato da ben tre mari, il Tirreno, lo Ionio e l’Adriatico e nel quale ricadono, con porzioni di territorio diversificate, ben sette Regioni: Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Lazio, Molise e Abruzzo. Stiamo parlando, quindi, di una delle più importanti Autorità di bacino distrettuali italiane: l’Autorità del Distretto dell’Appennino meridionale.

Le nuove Autorità di bacino distrettuali, istituite nel 2018, sono gli enti pubblici italiani deputati alla gestione di due temi ambientali cardine per il benessere sociale, la sicurezza dei cittadini e lo sviluppo economico: l’acqua e la difesa del territorio dal rischio idrogeologico e lo fanno nel quadro d’insieme che vede operare l’intera filiera che va dalle decisioni della Comunità europea, alle leggi e agli enti nazionali, fino alle leggi regionali e ai gestori del Sistema Idrico Integrato: l’acqua, bene primario e insostituibile, si può gestire correttamente solo così, considerato anche un contesto ambientale (la grave siccità di quest’anno è lì a testimoniarlo) oggi fortemente connotato dall’urgenza di efficaci azioni di contrasto e di adattamento ai cambiamenti climatici in atto.

Per l’Autorità dell’Appennino Meridionale parliamo di diciassette lavoratori precari altamente specializzati, già in servizio presso l’Autorità da molti anni, per la realizzazione della missione istituzionale dell’Ente ma lo Stato non ha ancora posto in bilancio le risorse economiche necessarie alla loro stabilizzazione, con la conseguenza che se da un lato i lavoratori rischiano di perdere il posto di lavoro, l’Autorità potrebbe trovarsi improvvisamente sguarnita di forza lavoro determinante.

È bene anche ribadire che la problematica cade in un contesto più generale che vede le dotazioni organiche definite nel 2018 dai Dpcm attuativi per tutte le nuove Autorità distrettuali ancora ben lontane dall’essere riempite, in molti casi ancora ferme al 50% circa delle dotazioni organiche provvisorie richiamate: in questo quadro la stabilizzazione dei lavoratori già operanti diventa una priorità assoluta.

Cgil, Cisl e Uil, considerata l’importanza e l’urgenza di mantenere la continuità e potenziare le azioni di questi enti pubblici così importanti, e con un organico relativamente piccolo (circa 800 dipendenti in tutta Italia), chiedono con forza al Governo le risorse economiche necessarie alla stabilizzazione del personale precario e al riempimento delle dotazioni organiche individuate dai decreti attuativi della Presidenza del Consiglio nel 2018.

A tal fine, Cgil, Cisl e Uil hanno convocato, per la mattina del 20 settembre, un sit-in dei dipendenti dell’Autorità di bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale, davanti alle Prefetture di Caserta e Bari.

 

FPCgil – Paolo Camardella, Emanuele Sillato, Patrizia Tomaselli, Carmela Ciamillo

Cisl FP – Carlo Tortora, Diego Lamberti

Uil PA – Carlo Iavarone

 

R. V. G.