Riecco «Fa’ la cosa giusta!»

2262
Fa la cosa giusta 2 @Cecilia Nuzzo
Inizia «Fa' la cosa giusta!», foto di Cecilia Nuzzo
Tempo di lettura: 4 minuti

Fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili

Torna la 3 giorni dedicata alla sostenibilità con 9 aree tematiche, dal food al turismo passando per moda e infanzia, con oltre 450 realtà espositive provenienti da tutta Italia e un fitto programma culturale con quasi 300 incontri e laboratori per tutte le età

Far conoscere le «buone pratiche» di consumo e produzione, valorizzando le specificità e le eccellenze dei territori, grandi e piccoli, e creando una sinergia tra associazioni, istituzioni e imprenditori locali. È questo l’obiettivo di Fa’ la cosa giusta!, la Fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili che torna a Milano nel fine settimana 24-26 marzo 2023 per la sua 19esima edizione, organizzata dalla casa editrice Terre di mezzo.

Fa la cosa giusta1@Cecilia Nuzzo
Fa’ la cosa giusta! @Cecilia Nuzzo

Nove le aree tematiche (turismo, food e street food, vegan, infanzia, cosmesi, moda, green e terzo settore) con oltre 450 realtà espositive innovative, responsabili e selezionate con cura, provenienti da tutto il territorio nazionale. In parallelo si svolge un variegato programma culturale pensato per tutte le età, a cura di esperti e associazioni con quasi 300 proposte di incontri, dibattiti, degustazioni e spettacoli, che raccontano la sostenibilità a 360 gradi negli stili di vita, nel turismo lento e nella rigenerazione dei territori, l’economia circolare, la lotta allo spreco, la giustizia sociale e ambientale, l’attivismo climatico e le energie rinnovabili, la coesione sociale, la finanza etica, la moda e la genitorialità.

Una particolare attenzione è riservata al mondo della scuola: «Sfide – La scuola di tutti 2023» è l’evento organizzato, all’interno della fiera, da Terre di mezzo Editore in collaborazione con Edizioni Erickson e Mce (Movimento di Cooperazione Educativa), dedicato ai protagonisti del cambiamento della scuola (studenti, docenti, dirigenti scolastici, educatori e genitori) che potranno incontrarsi e confrontarsi grazie al fitto programma di 83 incontri sui temi «storici» e su quelli attuali della scuola.

Un nuovo e speciale spazio è dedicato poi ai Social Cohesion Days, con l’obiettivo di aprire e nutrire il dibattito sulla coesione sociale, e delineare nuovi modelli e azioni per il benessere sociale in Italia.

Novità anche nel settore del Turismo Consapevole, Grandi Cammini e Outdoor, dove è presente il Cai, il Club alpino italiano che propone numerosi eventi. Ed è attesa la seconda edizione della Fiera dei Grandi Cammini, il più grande evento in Italia dedicato ai percorsi a piedi e ai cicloviaggi.

Le nove aree espositive nel dettaglio.

  • Abitare green: arredamento e complementi d’arredo eco-compatibili o del commercio equo e solidale, energia prodotta da fonti rinnovabili, bioedilizia.
  • Area vegan: abbigliamento, accessori, cosmesi, alimentazione e stili di vita vegani.
  • Cosmesi naturale e biologica: prodotti per la bellezza, la cura del corpo e l’igiene personale e della casa realizzati con materie prime biologiche, naturali o provenienti dalla filiera del commercio equo.
  • Critical fashion: abbigliamento e accessori realizzati con materiali riciclati o di riuso, filati biologici o naturali, materie prime organiche, tinture vegetali, linee realizzate da realtà del commercio equo o all’interno di progetti sociali, in Italia e all’estero.
  • Il pianeta dei piccoli: abbigliamento, arredamento, giochi per l’infanzia eco-compatibili o del commercio equo e solidale, servizi per la cura del bambino.
  • Mangia come parli: prodotti provenienti da agricoltura biologica, biodinamica, a Km0 o della filiera del commercio equo e solidale; prodotti riconosciuti presidio Slow Food, progetti a difesa della sovranità alimentare.
  • Street food: cibo di strada realizzato con prodotti provenienti da agricoltura biologica, biodinamica, a Km0; presidi Slow Food o della filiera del commercio equo e solidale.
  • Turismo Consapevole, Grandi Cammini e Outdoor: Proposte di viaggi attenti all’ambiente, ai diritti dei popoli e dei lavoratori, associazioni e istituzioni attive nella promozione e valorizzazione dei grandi itinerari storici e culturali, prodotti editoriali e stampa specializzata. L’area si sviluppa all’interno della Fiera dei Grandi Cammini, il più grande evento in Italia dedicato ai percorsi a piedi e ai cicloviaggi.
  • Pace e partecipazione: progetti di associazioni, distretti e reti, campagne, Ong, associazioni di tutela dei consumatori, sindacati, prodotti editoriali e stampa specializzata.

Tutte le informazioni e il programma completo sono disponibili sul sito.

Per alcune attività, dove indicato sul sito, è obbligatoria o consigliata l’iscrizione.

Per partecipare agli eventi è necessario acquistare il biglietto di ingresso a Fa’ la cosa giusta!. Si consiglia l’acquisto online: il costo del biglietto è ridotto e permette di saltare la coda.

Biglietti d’ingresso acquistabili sul sito: 6 euro (+ 1 euro di diritti di prevendita), 1 euro per under 14 (nessun diritto di prevendita), gratuito per bambini 0-2 anni.

Sono inoltre indicati altri pacchetti e le tariffe per l’acquisto direttamente in fiera.

Fa’ la cosa giusta!, la Fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, nasce nel 2004 a Milano per volontà di Terre di mezzo editore per far conoscere le «buone pratiche» di consumo e produzione, valorizzando le specificità e le eccellenze dei territori e creando una sinergia tra associazioni, istituzioni e imprenditori locali.

La casa editrice Terre di mezzo dal 1994 pubblica più di 100 titoli ogni anno tra guide, libri illustrati e narrativa. In particolare, le guide della collana Percorsi sono bestseller apprezzati nella comunità dei camminatori e la collana Acchiappastorie è un punto di riferimento nel settore della letteratura per l’infanzia.

Solo nella scorsa edizione (aprile 2022) la Fiera ha registrato 41mila visitatori, proposto oltre 500 realtà espositive e 280 eventi ludici e culturali, dedicati a tutte le fasce d’età e organizzati durante le 3 giornate all’interno delle piazze allestite lungo il percorso espositivo. Sono stati 200 i volontari che hanno messo a disposizione il loro tempo nelle varie fasi di realizzazione della Fiera; 2.200 gli studenti coinvolti nei 40 incontri ideati ad hoc per le scuole.

(Fonte Fa’ la cosa giusta!)