«Settimana contro la chimica nociva»

    207

    Dal 7 al 14 novembre giornate di sensibilizzazione e di informazione per porre in evidenza le conseguenze della diffusione incontrollata di sostanze chimiche sull’ambiente e sulla salute umana e fornire un servizio di informazione per il cittadino

    Lanciata oggi dal Wwf, con il Patrocinio del Segretariato Sociale Rai, la «Settimana contro la chimica nociva»: dal 7 al 14 novembre giornate di sensibilizzazione e di informazione per porre in evidenza le conseguenze della diffusione incontrollata di sostanze chimiche sull’ambiente e sulla salute umana e fornire un servizio di informazione per il cittadino. Oltre venti programmi Rai dedicheranno spazi e approfondimenti al tema, ci sarà una campagna pubblicitaria curata da Saatchi&Saatchi; e una serie di iniziative, in particolare test del sangue a parlamentari e personaggi pubblici per dimostrare la presenza di sostanze chimiche pericolose. L’evento è inserito nell’ambito della grande campagna internazionale del Wwf dal titolo «Svelenati: l’antidoto sei tu» che si propone l’eliminazione graduale delle sostanze chimiche pericolose, tramite l’approvazione del nuovo regolamento europeo in materia di sostanze chimiche, il Reach, acronimo che sta per Registration Evalution Authorisation of Chemicals. La campagna del Wwf riguarda le preoccupazioni per gli effetti sconosciuti, o la tossicità nota, derivanti dall’uso di sostanze chimiche nella vita di ogni giorno, si rivolge ai cittadini che aspirano a essere informati e che credono di avere diritto a una vita più sana e naturale. Fornisce anche consigli concreti su come adottare uno stile di vita che limiti i rischi.
    I cittadini che vorranno aderire alla Campagna potranno firmare la Petizione sul sito del Wwf (www.wwf.it) per chiedere al Parlamento Europeo e al Governo di adottare e consolidare la normativa in discussione, che imporrebbe a produttori e importatori la diffusione di informazioni certe sulle migliaia di sostanze chimiche che ogni anno circolano in Europa. Nel corso della settimana informativa in tutta Italia il Wwf farà opera di sensibilizzazione verso il pubblico: il 13 novembre in 100 città saranno messe a disposizione dei cittadini degli speciali «Info Point» sulla chimica. In Toscana 4 saranno le città dove sarà possibile avere informazioni sulla Campagna: Firenze (piazza Dalmazia), Arezzo (piazza San Jacopo), Viareggio (piazzale Margherita), Empoli (via C. Ridolfi, 165).
    I composti chimici sono una delle innovazioni dell’era moderna: senza la chimica non esisterebbe la televisione, i computer, la plastica che utilizziamo in molti oggetti quotidiani. Ma esiste il rovescio della medaglia di questo progresso. Negli ultimi cinquant’anni, l’uomo ha immesso nell’ambiente circa 80 mila nuove sostanze chimiche, con una produzione che oggi si aggira sui 400 milioni di tonnellate l’anno.
    Sotto accusa per i loro effetti tossici ci sono sostanze con le quali veniamo in contatto quotidianamente: i ritardanti di fiamma brominati, usati per evitare o ritardare l’estendersi di fiamme in caso di incendio, sono comunemente utilizzati in molti settori industriali tra cui quello tessile, elettronico e per la produzione degli imballaggi di plastica.

    (05 Novembre 2004)