Il futuro del pianeta nelle mani dei piccoli

188
scuola bimbi

Rivolto ai bambini della scuola primaria per renderli più consapevoli e più rispettosi dell’ambiente in cui vivono

Il progetto di educazione ambientale «Vividaria», giunto quest’anno alla terza edizione, punta a sensibilizzare i più piccoli sull’importanza degli organismi vegetali per il benessere umano e la salute dell’atmosfera, e coinvolge i bambini del 4° e 5° anno della scuola primaria e si sviluppa in due anni.

Institut Klorane (Fondazione d’impresa senza fini di lucro) e Federparchi (Federazione italiana dei parchi e delle riserve naturali) offrono alle classi vincitrici del nuovo concorso «Vividaria. Piante Amiche: Diversità vegetale per il Benessere», aperto a tutte le scuole primarie d’Italia, una fantastica escursione in uno dei meravigliosi parchi naturali italiani.

La biodiversità è un tema sempre più cruciale nel dibattito scientifico e politico internazionale (infatti il prossimo appuntamento, in programma a Copenhagen a dicembre, sarà la Conferenza internazionale delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico) è al centro delle attività di Federparchi e dell’Institut Klorane.

Come si partecipa al concorso

Partecipare al concorso «Vividaria. Piante amiche» è semplice, istruttivo e divertente.

Basta compilare, entro il 20 ottobre, la scheda di adesione disponibile sul sito http://www.federparchi.it/vividaria/, oppure – comunicarlo via email all’indirizzo: promozione.federparchi@parks.it, info@vividaria.it), o anche

– via fax al numero: 06/5138400 o

– per posta a: Federparchi, via Cristoforo Colombo, 163 – 00147 Roma.

L’iscrizione al concorso, che è completamente gratuita, consente di accedere al materiale didattico esclusivo e di progettare e completare, con l’assistenza di esperti di educazione ambientale, percorsi didattici sperimentali con attività indoor e outdoor.

Nel corso dell’anno scolastico, i bambini potranno così esplorare:

– il mondo fantastico della biodiversità vegetale,

– imparare i segreti delle piante officinali,

– conoscere le aree protette del proprio territorio e

– studiare i delicati meccanismi che regolano il clima globale.

Diventando, in altri termini, piccoli cittadini più consapevoli e più rispettosi dell’ambiente in cui vivono.

A fine percorso didattico

Il percorso didattico si concluderà con la produzione, da parte delle classi partecipanti, di un elaborato finale (fumetto, filastrocca, poesia, videoclip, gioco, ecc.) e con un evento a Roma.

Una giuria di esperti esaminerà i lavori pervenuti, selezionando i dieci migliori.

Il premio finale

Ciascuna delle classi vincitrici riceverà in premio un’escursione in un’area protetta della propria regione, oltre a pubblicazioni per ragazzi e altri riconoscimenti.

– Per ulteriori informazioni sul progetto, contattare:

Dott.ssa Maria Villani

06/51604940

(Fonte Federparchi)