Ricerca e potere

149

Viene fatta vivere, così, una contrapposizione artificiosa che mette a confronto due condizioni asimmetriche ed estreme, la supremazia invincibile dell'uno (il mercato) e l'impotenza immutabile dell'altro (il consumatore). Una sceneggiatura nella quale la logica economica (diversa da quella consumistica) della gestione delle risorse (della ricerca e del progresso umano che ne può derivare) è la […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.