The Arctic Adventures of Dioxy

120

Un curioso cartoon si sposa con un tema importante come l’emergenza del riscaldamento globale e viene alla luce una originale e innovativa «divulgazione geo-scientifica

Verrebbe da dire «The Arctic Adventures of Dioxy» prossimamente nelle sale. Quando un curioso cartoon in animazione flash si sposa con un tema importante come l’emergenza del riscaldamento globale viene alla luce una originale e innovativa «divulgazione geo-scientifica», che, in questo caso, racconta in modo davvero creativo e dinamico le avventure di una «simpatica» particella di carbone.

Un modo divertente quello di trattare il generico e allarmante problema del cambiamento climatico attraverso animazioni video, che danno vita e voce a Dioxy, un personaggio inventato nello studio parmense Kairòs, in collaborazione con l’Unis, University Centre in Svalbard, Norvegia.

Il buffo protagonista della storia, che insieme ai suoi amici sta riscuotendo molta simpatia in giro, spiega a bimbi e adulti il concetto di cattura e stoccaggio del carbonio nel sottosuolo attraverso il lavoro svolto dal laboratorio di CO? della città polare di Longyearbyen, nelle Isole Svalbard, un paesaggio estremo e selvaggio, in cui la ridotta comunità sopravvive grazie all’energia prodotta dal carbone; ed è qui che è ambientata la storia di Dioxy.

Il cartoon a puntate, della durata totale di 23 minuti, è costituito da 8 episodi, quattro dei quali già pubblicati e accessibili fino al 27 Febbraio su http://www.youtube.com/user/TheKairostudio.

Il progetto è stato realizzato grazie al supporto finanziario di Svalbard Environmental Protection Fund.

Il progetto dello studio Kairòs rappresenta una iniziativa importante, potenzialmente in grado di porre le basi ad un nuovo e ingegnoso modello di comunicazione.

La ricerca dell’Unis, inoltre, è finalizzata a porre mente al problema del cambiamento climatico trasmigrando anche in termini più generici: in tempi in cui freddo e gelo paralizzano parte del territorio nazionale, c’è chi pensa che le cause non vadano rinvenute nell’ormai famoso «riscaldamento globale». Tale termine, infatti, è forviante e porta a pensare, anche grazie al solito e ormai famoso circolo vizioso della disinformazione, che non ci sia alcun tipo di correlazione tra questi due fenomeni. Per tal motivo è più corretto parlare di «cambiamento climatico», che consiste proprio in un cambio di clima nelle varie zone del pianeta; infatti nel nostro caso sono previsti estati sempre più calde e inverni sempre più rigidi.

Concludiamo tornando nuovamente alle avventure di Dioxy; solo il quarto e ultimo episodio finora pubblicato entra nel cuore della storia: la buffa particella dorme tranquilla nell’underground metropolis, nella miniera 7, e viene trasportata dalle viscere della montagna fino alla centrale elettrica. Qui scopre un nuovo mondo e viene catapultata attraverso una corsa nella pipeline fino all’underground theatre.

Se siete curiosi di conoscere il destino di Dioxy non perdetevi il quinto episodio.