Cuccioli d’uomo e d’animali insieme per conoscersi e rispettarsi

145

220mila bambini coinvolti, oltre 1.000 scuole e 10mila classi raggiunte dalle attività dei volontari Enpa, 8mila soci Juniores. Le altre iniziative a breve

Circa 220mila bambini coinvolti, oltre 1.000 scuole e 10mila classi raggiunte dalle attività dei volontari Enpa, 8mila soci Juniores. Sono questi i numeri del «Progetto Delfini», la punta di diamante delle attività educative promosse dalla Protezione animali, che, lanciato tra il 2000 e il 2001, è diventato pienamente operativo nel biennio 2002/2003. «Le bambine e i bambini hanno risposto con entusiasmo sempre crescente alle iniziative dell’Enpa. In particolare, con le loro lettere e i contatti diretti, ci hanno chiesto e ci chiedono non solo di essere informati e preparati per il domani ma di fare cose concrete “qui e adesso”», ha detto il presidente nazionale della Protezione Animali, Carla Rocchi, nel corso di un incontro con la stampa.

E sono proprio lo straordinario entusiasmo e la grandissima «voglia di fare» dei bambini, testimoniati dagli ottimi risultati del «Progetto Delfini», che hanno spinto l’Ente nazionale protezione animali ad arricchire le iniziative ad essi dedicate. Si tratta di un vero percorso a tappe, pensato per sensibilizzare i più piccoli, e attraverso di loro gli adulti, al rispetto per gli animali e, più in generale, al diverso da sé; un viaggio alla scoperta dell’alterità iniziato proprio oggi a bordo del «Tramito», con la lezione itinerante degli alunni della quinta elementare dell’Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, e che proseguirà per tutto l’anno. Il secondo step è la giornata «Rifugi Aperti», in calendario sabato 12 maggio.

«I “cucciolotti d’uomo” sono il nostro investimento per il futuro, per raggiungere i loro cuori è necessario usare strumenti educativi innovativi, coinvolgendo attivamente i bambini con il gioco, il divertimento e l’esperienza in prima persona», ha aggiunto il responsabile Comunicazione e Sviluppo Enpa, Marco Bravi. «Per questo – ha proseguito Bravi – abbiamo voluto creare un legame speciale tra bimbi e quattrozampe con la più grande iniziativa di adozione a distanza mai realizzata, resa possibile dal prezioso contributo della Pizzardi Editore e di “Amici Cucciolotti” 2012». Infatti tutti i bambini che hanno acquistato le figurine della raccolta hanno avuto la possibilità di adottare a distanza più di 3.500 «trovatelli» accuditi dall’Enpa nelle proprie Oasi e strutture. Non solo. Il 12 maggio, in occasione della giornata «Rifugi Aperti», bambini e famiglie avranno la possibilità di visitare tredici rifugi della Protezione Animali per conoscere di persona i loro «protetti» e regalar loro una carezza.

(Fonte Enpa)