Alti e bassi e poi il caldo

131

Da venerdì arriva un anticiclone a bloccare il maltempo, ma non è il nostro amato anticiclone delle Azzorre e quello africano, che inizialmente sarà piacevole perché riporterà le temperature sulla media stagionale, ma poi, soprattutto al Sud comincerà ad essere «pesante»

Analisi sulla settimana appena trascorsa. Cosa dire? Ha continuato a «piovere sul bagnato»! Un maggio veramente da dimenticare soprattutto per l’agricoltura che con i campi perennemente allagati ha subito gravi danni. Poi abbiamo avuto anche mareggiate e tornado, trombe marine e chi più ne ha ne metta! La colpa di tutto ciò? Secondo i meteorologi è dovuto all’anticiclone delle Azzorre che ormai si è spostato in latitudini diverse dalle tradizionali, ora più vicine all’Islanda e all’Irlanda. Quindi la sua assenza dà libero sfogo alle correnti fredde del nord Europa e a quelle torride del Sahara. Vediamo ora cosa dobbiamo aspettarci per la prossima settimana.

Le previsioni

Nulla di nuovo all’orizzonte e questo fino a tutto mercoledì compreso, infatti su gran parte delle regioni centro nord ancora piogge e temperature autunnali. Sull’oceano Atlantico si è formato un vasto anticiclone dinamico che giunge fino all’Inghilterra, portando su gran parte dell’Europa occidentale bel tempo, ma sul Mediterraneo e sull’Europa orientale la presenza di una circolazione ciclonica blocca l’alta pressione atlantica determinando invece condizioni di diffusa instabilità, in particolare con un’area di intense precipitazioni sul settore centrale delle Alpi settentrionali.
Il vortice che staziona sul Mediterraneo attira aria più fredda dai Balcani, per questo motivo le temperature su gran parte delle regioni centro settentrionali sono più autunnali che di fine primavera. Ciò determina ancora fenomeni temporaleschi anche di forte intensità sulle Alpi e sull’Appennino settentrionale. Piogge inizialmente anche al Sud, ma qui già da mercoledì ci sarà un miglioramento del tempo con temperature in rialzo.
Da giovedì mattina miglioramento graduale a partire dal nord fino alle regioni centrali. Da venerdì arriva un anticiclone a bloccare il maltempo, ma non è il nostro amato anticiclone delle Azzorre e quello africano, che inizialmente sarà piacevole perché riporterà le temperature sulla media stagionale, ma poi, soprattutto al Sud comincerà ad essere «pesante».
Al centro e al nord le temperature cominceranno ad avvicinarsi nelle ore più calde della giornata ai 30 gradi. In Sicilia invece supereranno i 35 gradi. Bel tempo quindi al sud fino a tutto il week end, stessa cosa al centro. Il nord invece domenica prossima sarà interessato dall’arrivo di un’altra perturbazione atlantica con piogge ad iniziare del settore occidentale.