Scadenze ambientali – Febbraio 2014

113

Le principali scadenze ambientali segnalate dal calendario di febbraio 2014 sono relative a:

ACQUE

Acquedotti e fognature

Riferimenti normativi
– Decreto ministeriale 8 gennaio 1997, n. 99 «Regolamento sui criteri e sul metodo in base ai quali valutare le perdite degli acquedotti e delle fognature» – G.U. Serie generale n. 90 del 18.04.1997.
Riferimento articolo 3 «Rapporti annuali» comma 1.

– Decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 «Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici» – G.U. n. 284 del 06-12-2011 – Suppl. Ordinario n. 251.
Riferimento articolo 21 «Soppressione enti e organismi» commi 13 e 19.

– Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20.07.2012 «Individuazione delle funzioni dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas attinenti alla regolazione e al controllo dei servizi idrici, ai sensi dell’articolo 21, comma 19 del decreto-legge del 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214» – G.U. n. 231 del 3-10-2012
Riferimento articolo 1 «Funzioni del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare» e 3 «Individuazione delle funzioni di regolazione del servizio idrico integrato trasferite all’Autorità per l’energia elettrica ed il gas».

Adempimento

Entro venerdì 28 febbraio 2014 il gestore del servizio di acquedotto e/o fognatura deve trasmettere all’autorità per l’energia elettrica ed il gas (Aeeg) e al Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare (Mattm) il rapporto annuale relativo ai dati 2013 su:
— volume dell’acqua degli impianti di acquedotto e fognatura;
— valore dei parametri di valutazione delle perdite.
(scadenza annuale)

ARIA

Grandi impianti di combustione (Gic)

Riferimenti normativi
– Legge 27 dicembre 1997, n. 449 «Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica» – G.U. n. 302 del 30 dicembre 1997 – Supplemento Ordinario n. 255.
Riferimento articolo n. 17 «Disposizioni tributarie in materia di veicoli» comma 29 e 30.

– Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001, n. 416 «Regolamento recante norme per l’applicazione della tassa sulle emissioni di anidride solforosa e di ossidi di azoto, ai sensi dell’articolo 17, comma 29, della L. n. 449 del 1997» – G.U. 28 novembre 2001, n. 277.
Riferimento articolo n. 2 «Soggetti obbligati e adempimenti» comma 2.

Adempimento

Entro venerdì 28 febbraio 2014 gli esercenti dei grandi impianti di combustione (Gic) devono presentare agli Uffici tecnici di finanza, competenti per territorio, la dichiarazione annuale contenente i dati relativi alle emissioni di anidride solforosa (So2) e di ossidi di azoto (NoX) per il 2013, nonché dei combustibili impiegati.
(scadenza annuale)

CAMBIAMENTI CLIMATICI

Quote emissione gas serra

Riferimenti normativi
– Decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 216 «Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto» – G.U. n. 140 del 19-6-2006 – Suppl. Ordinario n. 150.
Riferimento articolo n. 11 «Assegnazione e rilascio delle quote di emissioni agli impianti» comma 2.

– Decreto legislativo 13 marzo 2013, n. 30 «Attuazione della direttiva 2009/29/CE che modifica la direttiva 2003/87/CE al fine di perfezionare ed estendere il sistema comunitario per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra» – G.U. Serie Generale n. 79 del 04-04-2013
Riferimento articolo n. 9 «Assegnazione e rilascio delle quote di emissioni a titolo gratuito agli operatori aerei amministrati dall’Italia» comma 2, articolo n. 23 «Rilascio delle quote assegnate a titolo gratuito» comma 1.

Adempimento

Entro venerdì 28 febbraio 2014 il Comitato nazionale di gestione e attuazione della direttiva 2003/87/Ce deve rilasciare le quote di emissione assegnate per il 2014:
a) agli impianti esistenti e nuovi entranti;
b) agli operatore aerei amministrati dall’Italia.
(scadenza annuale)

ENERGIA

Mix energetico

Riferimenti normativi
– Decreto ministeriale del 31.07.2009: Criteri e modalità per la fornitura ai clienti finali delle informazioni sulla composizione del mix energetico utilizzato per la produzione dell’energia elettrica fornita, nonché sull’impatto ambientale della produzione – GU n. 196 del 25-8-2009
Riferimento articolo 5 «Adempimenti connessi alla determinazione del mix energetico» comma 5

Adempimento

Entro venerdì 28 febbraio 2014 i produttori di energia elettrica immessa devono trasmettere al Gse (Gestore dei servizi energetici) la composizione del mix «complementare» relativo al 2013, che si determina detraendo dal mix iniziale del medesimo produttore la quantità complessiva di certificazioni di produzione da fonte rinnovabile cedute dal produttore a soggetti terzi come risultante dal sistema di certificazione del Gse nonché l’energia Cip6, unitamente agli elementi informativi connessi alla determinazione dello stesso.
(scadenza annuale)

RUMORE

Aeroporti

Riferimenti normativi
– Decreto del Presidente della Repubblica 11/12/1997, n. 496 «Regolamento recante norme per la riduzione dell’inquinamento acustico prodotto dagli aeromobili civili» – G. U 26/01/1998 n. 20
Riferimento articolo n. 5 «Limitazioni al traffico aereo notturno»

Adempimento

Entro venerdì 28 febbraio 2014 le Regioni devono trasmettere al Mattm e al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) una relazione sul monitoraggio del rumore aeroportuale notturno (dalle ore 23 alle 6) effettuato nel mese di gennaio 2014.
(scadenza mensile)

SOSTANZE PERICOLOSE

Amianto

Riferimenti normativi
– Legge 27 marzo 1992, n. 257 «Norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto» – G.U. n. 87 del 13 aprile 1992, aggiornata con le modifiche apportate dalla legge 24 aprile 1998, n. 128, della legge 9 dicembre 1998, n. 426, dal decreto legge 5 giugno 1993, n. 169 e dal decreto legge 1 ottobre 1996, n. 510)
Riferimento articolo 9 «Controllo sulle dispersioni causate dai processi di lavorazione e sulle operazioni di smaltimento e bonifica» comma 1 e 3.

– Circolare Ministero dell’Industria e del Commercio 17 febbraio 1993, n. 124976 «Modello unificato dello schema di relazione di cui all’art. 9 commi 1 e 3, della legge 27 marzo 1992, n. 257, concernente le imprese che utilizzano amianto nei processi produttivi o che svolgono attinti di smaltimento o di bonifica dell’amianto» – G.U. 5 marzo 1993, n. 53

Adempimento

Entro venerdì 28 febbraio 2014 le imprese che utilizzano amianto nei processi produttivi, o che svolgono attività di smaltimento o di bonifica dell’amianto, devono inviare alle Regione e alle Asl la relazione sulle attività svolte nel corso del 2013.
(riferimento annuale)