Primavera ma non per tutti

254

Per il week end è previsto da variabile a sereno ancora sulle regioni tirreniche. Tempo perturbato invece su quelle adriatiche. Le temperature leggermente sotto la media stagionale. Per Domenica di Pasqua si teme un peggioramento del tempo anche sul settore nord occidentale e poi gradualmente un po’ ovunque anche sul Tirreno

La settimana appena trascorsa ha subito la coda dell’inverno, infatti si sono avute sia al centro sia al sud forti piogge che nel Lazio hanno causato anche lo straripamento dei fiumi Fiora e Mignone e, soprattutto, venti che hanno ancora una volta fatto strage degli ultimi alberi, soprattutto pini domestici e marittimi che tra la Toscana e il Lazio avevano resistito alla tempesta di due settimane fa. Venti una volta dai quadranti meridionali e poi in conclusione della settimana dai quadranti settentrionali. Ma gli esperti ci dicono che è ormai arrivata la primavera, vediamo allora la situazione per la settimana entrante.

Le previsioni

Ci siamo, entra decisa la primavera apportando bel tempo quasi ovunque e temperature in deciso rialzo. Il giorno più caldo con temperature che potrebbero superare i 25°C, non solo al Sud ma anche nelle pianure dell’Italia del nord, dovrebbe essere martedì 31 marzo. Tempo buono comunque fino a tutto giovedì, poi potrebbe verificarsi un fenomeno particolare in cui il nostro Paese potrebbe essere interessato sul versante Tirrenico dall’Alta Pressione e quello Adriatico dalla Bassa Pressione. Gli Appennini così potrebbero fare da spartiacque tra le due situazioni meteo. Ma vediamo nel dettaglio ogni giorno:

Lunedì: tempo di primavera su gran parte delle regioni italiane, resta una certa variabilità sulle zone a ridosso dell’Arco Alpino, dove oltre i 1.500 saranno possibili leggere nevicate. I mari ancora da poco mossi a mossi soprattutto quelli meridionali. Venti leggeri e freschi da ovest, nord-ovest soprattutto sul Mar di Sardegna. Le temperature in graduale aumento sui valori massimi un po’ ovunque.
Martedì: a parte che sul settore alpino o prealpino, quasi ovunque cieli sereni o variabili. Temperature alte sui valori massimi un po’ ovunque. Nelle città di Firenze, Roma e Napoli si potranno raggiungere anche i 28°C. I mari tenderanno ad essere da poco mossi a calmi quasi ovunque.
Mercoledì: è previsto l’arrivo di aria più fresca dai quadranti settentrionali. Peggiora il tempo sull’arco alpino centro orientale con possibili nevicate a partire dagli 800 metri. Leggere piogge sulle regioni adriatiche. Sereno o variabile invece sulle regioni tirreniche. Variabile con nuvolosità più accentuata nelle zone più interne della Calabria. Qualche leggera pioggia a partire dal pomeriggio sulla Puglia e sulla Sicilia Orientale. Le temperature sui valori massimi tenderanno a scendere di un paio di gradi. I mari da poco mossi a localmente mossi quelli dell’Adriatico e dello Ionio.
Giovedì: L’Alta Pressione difende ancora le regioni del medio e alto Tirreno e del Mar Ligure, altrove potrebbe prevalere il variabile con cielo a tratti anche coperti e qualche pioggia. Vento forte di Maestrale interesserà i mari intorno alla Corsica e alla Sardegna. Le regioni meridionali vedranno ancora qualche pioggia intercalata da rapidi ma ampi rasserenamenti. I mari quasi ovunque da calmi cominceranno ad apparire in fase di moto ondoso in aumento. Molto mossi invece quelli della Sardegna. Le temperature in leggera diminuzione quasi ovunque.

Attendibilità al 70%

Venerdì: potrebbero verificarsi le condizioni accennate all’inizio, e cioè bel tempo o al massimo variabile sulle regioni del Mar Ligure e dell’alto e medio Tirreno e, invece, cattivo tempo sulle regioni adriatiche e ioniche. Le temperature sono previste in diminuzione sui valori minimi quasi ovunque.
Per il week end: Da variabile a sereno ancora sulle regioni tirreniche. Tempo perturbato invece su quelle adriatiche. Le temperature leggermente sotto la media stagionale.
Per Domenica di Pasqua si teme un peggioramento del tempo anche sul settore nord occidentale e poi gradualmente un po’ ovunque anche sul Tirreno.