Rivive «Lo spirito del pianeta»

416

Ritorna la manifestazione di successo che ridà voce alle tradizioni e alla cultura dei popoli della terra. Inca, aborigeni, tribù amazzoni e della Mesomerica. L’iniziativa da sempre promuove e realizza progetti culturali ed umani in difesa dei popoli tribali, della loro cultura e dell’ambiente in cui vivono. Il programma, l’organizzazione e i numeri

«Lo spirito del pianeta» è l’unico festival indigeno in Italia, da quest’anno, in molte delle serate ci saranno dei tribal gathering di indiani d’America (come il famoso Pow Wow statunitense), inca, aborigeni, tribù amazzoni e della Mesomerica. L’iniziativa da sempre promuove e realizza progetti culturali ed umani in difesa dei popoli tribali, della loro cultura e dell’ambiente in cui vivono.
Al suo interno tutto viene «riciclato» (l’anno scorso il 77% dell’immondizia). Si svolge a due passi da Bergamo, appena fuori dall’autostrada MI-VE, per due settimane porta fuori da casa nostra storie, suoni, tradizioni affascinanti da tutto il mondo. Precisamente è al Polo Fieristico presso Chiuduno (BG), in Via Martiri della Libertà, da venerdì 27 maggio a domenica 12 giugno.
E da quest’anno diventa internazionale. Si terrà una edizione itinerante in Australia, dal 16 al 27 novembre, che diventerà una sorta di «tribal gathering» di moltissime tribù di aborigeni.

L’ingresso è libero, vi sono anche strutture al coperto che garantiranno la realizzazione degli spettacoli anche in caso di maltempo. Gli orari di apertura sono: Sabato alle ore 17 e domenica alle ore 12. Tutti i giorni feriali: ore 19.
Per informazioni: Associazione lo Spirito del Pianeta cell: 347 5763417, info@lospiritodelpianeta.it, www.lospiritodelpianeta.it.

Le curiosità e le novità del 2016

Si aprirà il festival con l’inaugurazione della statua Moai, iniziata l’anno scorso. Con la posa del cappello di circa 6 tonnellate verrà finita il giorno dell’inizio del festival, divenendo così uno dei più importanti Moai al mondo al di fuori dell’Isola di Pasqua.
L’inaugurazione si svolgerà alle ore 20 con una cerimonia di purificazione dei Rapan Nui che lo hanno realizzato dopo di che, il concerto di Davide Van De Sfroos alle ore 21,15, il 1° Giugno a Milano Flash Mob indigeno dalle ore 11.

Domenica 12 giugno, ultimo giorno del festival, alle 18 dichiarazione di «Patrimonio Indigeno dell’Umanità» del parco sede del festival, cerimonia di consegna del documento all’Amministrazione del Comune di Chiuduno.

Sarà possibile sostare presso il centro sportivo di Chiuduno (spazio adiacente al festival), con una tenda o un camper. Saranno messi a disposizione dei campeggiatori, Bagni e docce per tutta la durata del festival.

Lo Stone Balancing (anche Rock Balancing) è l’equilibrio delle pietre come forma d’arte immediata e temporanea: condivisione, creatività, precisione, concentrazione, pazienza… una metafora del benessere, dell’equilibrio.

Naturalmente, una cordata di associazioni italiane che lottano per il rispetto e la tutela dell’ambiente, organizza un fitto programma di eventi e conferenze legate all’ambiente (tra le associazioni presenti… Greenpeace, Lega Ambiente, Wwf).

Un corner benessere dove scoprire nuovi massaggi, realizzati con prodotti naturali e antichi, tramandati da generazioni.

Rispettare l’ambiente e i popoli indigeni

«Rispettare l’ambiente e i popoli indigeni». Queste le parole di Papa Francesco quando, a maggio del 2014, ha ricevuto una delegazione di popoli indigeni partecipanti a «Lo Spirito del Pianeta». È quello che il festival fa da anni con i popoli indigeni e le minoranze etniche nel mondo. E il rispetto dell’ambiente? «Nell’edizione 2015 avendo usato materiale in Mater-bi di mais, con piatti, bicchieri, posate e altro, sono riusciti a riciclare ben il 77% dei rifiuti. Oltre 20 volontari hanno prestato il loro lavoro solo per questo obiettivo. Da quel momento sono numerose le organizzazioni che stanno inserendo questo progetto nelle loro feste. Come i nostri anziani ci hanno insegnato, «dal buon esempio, arrivano sempre buone cose».

Solidarietà con gli incassi de «Lo Spirito del Pianeta» dello scorso anno

In questi 15 anni grazie a «Lo Spirito del Pianeta» sono stati realizzati molti progetti culturali; in Burkina Faso e in Scozia. Hanno adottato bambini in Camerun tra i pigmei e in Messico tra gli Aztechi. Sono stati finanziati progetti umanitari come pozzi per l’acqua, dispensari medici e scuole tra i Maasai del Kenya, Ambulanze e materiali per laboratori di artigianato tra i Tuareg del Niger, e molti altri.
«Nell’ultimo anno – dice Ivano Carcano, responsabile de “Lo Spirito del Pianeta” – abbiamo continuato il lavoro presso il nostro dispensario tra i Maasai del Kenya, in cui ogni mese abbiamo quasi 500 che hanno avuto visite e medicinali gratuiti. Abbiamo adottato 12 bambini Pigmei nella foresta del Camerun, che anche quest’anno hanno avuto una casa dove vivere nutrirsi e studiare. Abbiamo contribuito a finanziare la prima scuola di tradizione nella foresta dell’Ecuador, dove gli anziani torneranno ad insegnare le antiche arti alle nuove generazioni, e un punto di incontro per tutti. Abbiamo attivato una nuova borsa di studio per un Maasai per diventare dottore tra 6 anni, e per altri 5 ragazzi per proseguire i loro studi nelle secondarie, in giornalismo, in laboratorio d’analisi, senza dimenticare che anche nell’ultima edizione del festival sono stati distribuiti oltre € 60.000,00 ai gruppi invitati per supportare i loro progetti e a numerose organizzazioni del nostro territorio».

I protagonisti

Davide Van De Sfroos, Micheal McGoldrick (componente della band di Mark Knopfler).
Considerato uno dei più grandi flautisti di tutti i tempi, Michael McGoldrick è uno dei componenti fissi della band di Mark Knopfler dei Dire Straits. Nella sua lunga carriera ha collaborato con artisti del calibro di Jim Kerr, Youssou N’Dour, John Cale e altri ancora. Le esibizioni dal vivo con la sua band continuano a essere un evento speciale, che dà modo di lasciarsi coinvolgere da sonorità tanto energiche quanto finemente cesellate.

Goitse
Quello dei Goitse (saluto informale gaelico, una sorta di «vieni qui») è un quintetto di talentuosi musicisti che si stanno facendo velocemente un nome tra le band più seguite dagli intenditori di musica tradizionale irlandese, il cui modo di suonare, dal passo veloce ad alto tasso energetico, ha creato attorno a loro una schiera crescente di fan, nutrita dai concerti tenuti in Irlanda, America, Finlandia, Danimarca e pure Africa.

I numeri

250mila le presenze attese
17 giorni di musica, cultura, cibo e tradizioni
26 gruppi provenienti da tutto il mondo
Oltre 150 espositori di artigianato da tutto il mondo (una fiera dentro il festival).

L’organizzazione

Gestire un flusso di 20mila persone e più al giorno, sia pur in una zona industriale alle porte di un piccolo paese di 5.000 persone non è facile. Da anni «Lo Spirito del Pianeta» si preoccupa in maniera amorevole di questo aspetto.
Quindi, bus navetta gratuiti da piazza mercato (Malpensata) Bergamo, davanti alla stazione di Bergamo; e dalla zona industriale di Chiuduno (adiacente a uscita autostrada A4 Grumello del Monte/Telgate). Ulteriori dettagli sul sito del festival.

Il servizio di bus navetta è gratuito da e per Bergamo e da e per i parcheggi attorno al festival.

IL PROGRAMMA COMPLETO DEL FESTIVAL

I popoli e i gruppi invitati saranno: Dall’Europa: Mc Goldrick Band – Anglo Irlandese, Goitse – Irlanda, Ana Alcaide (cultura Sefardita) – Spagna, Saor Patrol – Scozia, Gruppo Curdo.

Da tutto il mondo: Rapa Nui – Isola di Pasqua, Sarawak – Malesia, Tribù della Mesomerica: Aztechi, Maya, Chichimeca.
Tribù del Nord America: Apache, Zuni, Navajo, Sioux, Hopi, Havasupai.
Tribù dal vecchio impero Inca (Tawantinsuyo): dal Perù, Argentina, Bolivia ed Ecuador.
Tribù dell’Amazzonia: Dessena dal Brasile, Emberà da Panama.
Aborigeni – Australia.
Dall’Italia: Trouveur Valdoten, Antonio Castrignanò, Da Bergamo: Bepi & The Prismas.

Attività parallele al festival

– Giovedì 9 giugno alle ore 11, manifestazione presso la Merletta di Almè, con consegna del documento di dichiarazione di «Patrimonio indigeno dell’umanità». Il documento sarà consegnato ai custodi del terreno (famiglia Scolari) e all’Amministrazione comunale che saranno a loro volta custodi di questa terra dichiarata sacra in quanto dono di Dio e ultima realtà contadina nella terra di Almè (BG). Alla sera del 9 giugno ore 21, presso la Merletta concerto gemellaggio dei Saor Patrol Scozia.
Verrà allestito e si potrà affrontare un «Percorso sensoriale», in cui si potranno vivere attraverso sensi diversi dalla vista esperienze molto particolari
– Presso il palazzetto, saranno presenti oltre 100 associazioni legate all’ambiente con conferenze e seminari, chiamate «Naturalmente».
Ogni giorno saranno attivi numerosi laboratori per bambini e non solo.
– Ci sarà la possibilità di creare delle forme di «Stone Balancing», ovvero l’equilibrio delle pietre come forma d’arte immediata e temporanea
– Nel parco sarà allestito un «Villaggio di artigiani medievali», in cui si sperimenteranno tecniche di lavorazioni di tessuti, cuoio, metalli, e si terranno incontri sull’uso delle erbe e dei rimedi del giardino dei semplici.
– Presso il Palazzetto, si potrà condividere momenti di Danza tradizionale, con gli ospiti della manifestazione.
– Nel parco vi sarà la possibilità di ascoltare uomini medicina, capi di tradizione, che ci raccontano aspetti delle proprie culture.
– Ogni giorno sarà aperta una cucina regionale con 900 posti a sedere al chiuso e all’aperto e pizzeria.
– Saranno presenti ristoranti etnici (Eritreo – Kebab – Messicano – Vegano – grande ristorante regionale, pizzeria, Piadine rià, il nuovo De Gusto a km zero, Brasiliano e Bio Creperia.
– Ogni giorno saranno presenti oltre 150 espositori con artigianato etnico.
– Ogni attività sarà garantita al coperto, gli spettacoli e le conferenze saranno tenute anche presso il palazzetto dello sport all’interno del centro.
– Bus navetta saranno garantiti da e per Bergamo (con partenza e ritorno da parcheggio mercato Malpensata e Urban center di fronte alla stazione), e presso un anello a Chiuduno polo industriale.
– Nel padiglione fieristico, sarà presente uno spazio benessere.