Non c’è tempo di parlare di territorio…

438

È necessario riuscire a parlare insieme e contemporaneamente, di fiori e di persone, di anziani e di gorilla, di fumi e di lavoro, di temperature dell'atmosfera e di temperature dell'altoforno, di estinzioni di ibis e di annegamenti nei mari, senza pensare che l'ecologismo debba preoccuparsi di altro che non sia «anche» il destino dell'animale uomo […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.