Navigare humanum est, perseverare autem dibolicum

221

Ciò che abbiamo scoperto e perso durante la storia della navigazione umana Questa estate, con gli occhi rivolti all'insù, sotto un cielo pienissimo di stelle più o meno cadenti, offuscate qua e là dal crescente inquinamento luminoso dell'urbanizzazione incontrollata, mi sono interrogato su una domanda apparentemente proveniente da un quiz televisivo: cosa accomuna Cristoforo Colombo, […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.