Riparte il Concorso di fotografia geografico-ambientale «Obiettivo Terra»

373

Oltre al primo Premio previste Menzioni per le categorie: Alberi e foreste, Animali, Area costiera, Fiumi e laghi, Paesaggio agricolo, Turismo sostenibile, Menzioni speciali relative ai Borghi, al Patrimonio geologico, all’Earth Day, alla Madre Terra, all’Obiettivo Mare e un Premio speciale

Immortalare le bellezze dei Parchi nazionali, regionali, interregionali e delle Aree marine protette d’Italia, questo l’obiettivo della nona edizione del Concorso nazionale di fotografia geografico-ambientale «Obiettivo Terra».
Anche quest’anno infatti la Fondazione UniVerde e la Società geografica italiana onlus, in collaborazione con la Società italiana di geologia ambientale (Sigea),  i Borghi più belli d’Italia, MarevivoFiaba onlus, hanno lanciato il Concorso nazionale al fine di celebrare la 48ª Giornata mondiale della Terra, che si festeggerà il prossimo 22 aprile 2018, e, con essa, la valorizzazione e la promozione del patrimonio ambientale, del paesaggio, dei borghi, delle peculiarità e delle tradizioni enogastronomiche, agricole, artigianali, storico-culturali e sociali custoditi dai Parchi e dalle Aree marine protette d’Italia permettendo la diffusione di un modello di turismo ecosostenibile e responsabile.
Il concorso, la cui partecipazione è del tutto gratuita, è aperto a tutti i cittadini, italiani e stranieri, residenti o domiciliati in Italia. È prevista la candidatura di una sola fotografia a colori per ogni partecipante, e questo pena l’esclusione dal concorso, dal 21 dicembre 2018, solstizio d’inverno, al 21 marzo 2018, primo giorno di primavera e Giornata internazionale delle foreste, attraverso il sito ufficiale di Obiettivo terra, Fondazione UniVerde e Società geografica italiana.
I criteri fondamentali sulla base dei quali saranno selezionate le fotografie sono rappresentati dall’aderenza all’obiettivo del concorso, dall’originalità, dalla qualità tecnica e artistica della foto.
La selezione finale, con la decretazione del vincitore, avverrà ad opera di una Giuria, il cui giudizio è insindacabile e inappellabile, di esperti in materia geografico – ambientale, scientifica, sociologica, mediatica e fotografica.
Un Premio di € 1.000 sarà assegnato al vincitore del concorso, durante la cerimonia di premiazione che si svolgerà a Roma il 23 aprile 2018 in occasione proprio della Giornata mondiale della Terra, unitamente ad una targa ricordo predisposta dai soggetti promotori. Inoltre la fotografia vincitrice sarà esposta su una maxi-affissione a Roma.
Oltre al primo Premio saranno selezionate, tra le foto ammesse, le vincitrici delle Menzioni per le categorie: Alberi e foreste, Animali, Area costiera, Fiumi e laghi, Paesaggio agricolo, Turismo sostenibile. Per l’anno 2018 inoltre sono state istituite anche le Menzioni speciali relative ai Borghi (Un premio alla più bella foto di un borgo situato all’interno di un parco italiano, in collaborazione con l’Associazione «I borghi più belli d’Italia»); al Patrimonio geologico (Un premio in collaborazione con la Sigea alla foto che meglio rappresenti il patrimonio geologico dei parchi. Le opere potranno rappresentare il paesaggio geologico, i siti a valenza geologica dove gli elementi geologici o i singoli affioramenti hanno sviluppato forme di qualsiasi tipo e genere. Possono essere candidate anche immagini di opere antropiche che si integrano nel contesto geologico o geomorfologico. Occorre scrivere Sigea nel campo «Note» per poter partecipare anche a questa selezione); all’Earth Day (Un premio per lo scatto che meglio rappresenti l’accessibilità e la fruibilità per le persone con disabilità e a ridotta mobilità in un parco, in collaborazione con Fiaba Onlus); alla Madre Terra (2018 Anno nazionale del cibo italiano. Un premio alla foto più rappresentativa di un prodotto agricolo tipico, di un piatto tradizionale o dell’artigianalità enogastronomica dai parchi); all’Obiettivo Mare (per la migliore foto subacquea scattata in un’Area marina protetta, in collaborazione con Marevivo).
Presente per l’edizione 2018 anche un Premio speciale istituito in collaborazione con Fiaba Onlus, e assegnato al Parco nazionale, regionale o interregionale o all’Area marina protetta che si sia maggiormente distinta per favorire l’accessibilità e la fruibilità dell’area protetta alle persone con disabilità e a ridotta mobilità.