La Monsanto minaccia Avaaz

358

Con atto legale statunitense, ha intimato di conoscere e identificare tutti coloro che hanno partecipato alle campagne contro di lei. «Avaaz ha battuto ripetutamente Monsanto in enormi battaglie normative, per esempio bloccando il rinnovo a lungo termine della licenza sul glifosato, il diserbante su cui si regge tutto il loro impero agrochimico. Stiamo vincendo. E quindi vogliono cambiare gioco»

Come i re medievali conoscevano tutto ed avevano ogni potere sui propri sudditi, così la Monsanto vuole sapere tutto su chi è contro di lei.

Stando ad una comunicazione fatta da Avaaz, la multinazionale, con atto legale statunitense, ha intimato di conoscere e identificare tutti coloro che hanno partecipato alle campagne contro di lei.

Avaaz si prepara a rispondere a questo attacco e chiede il sostegno dei cittadini.

C’è da stigmatizzare che l’atto è legale, il che pone domande sul tipo di giustizia e sul concetto di privacy che esiste oltre oceano e sul potere enorme, al di là della sostanza delle azioni, che possono esibire le multinazionali.

Riportiamo la email che probabilmente molti lettori avranno anche ricevuto.

 

«Abbiamo appena ricevuto un ordine di esibizione di 168 pagine da parte di Monsanto.

«È un documento legale che ci “intima” di consegnare entro pochissimi giorni ogni email, appunto o documento che menzioni Monsanto, compresi i nomi e gli indirizzi email dei membri di Avaaz che hanno firmato campagne su di loro!!

«È una cosa seria. Parliamo di una multinazionale da 50 miliardi di dollari, famosa per strategie legali aggressive come questa. Hanno risorse economiche praticamente illimitate, e se riescono a mettere le mani sulle nostre informazioni personali non possiamo prevedere per cosa le useranno.

«E quindi combatteremo. Perché Monsanto avrà pure risorse illimitate per le sue intimidazioni, ma anche Avaaz ha un potere enorme, quello delle persone. Che non si fanno intimidire.

«Il termine per rispondere all’ordine di esibizione è tra pochi giorni. Dona ora per difendere il nostro movimento e mandare un messaggio a Monsanto: ogni volta che cercheranno di fermarci, ci renderanno solo più forti.

«Dobbiamo assumere urgentemente ottimi avvocati per tenere testa a quelli di Monsanto. Già solo difenderci da questo ordine di esibizione (qui il testo) sarà molto costoso, e potrebbe essere solo l’inizio.

«Non conosciamo i loro piani, ma sappiamo bene perché sono arrivate queste 168 pagine. Avaaz ha battuto ripetutamente Monsanto in enormi battaglie normative, per esempio bloccando il rinnovo a lungo termine della licenza sul glifosato, il diserbante su cui si regge tutto il loro impero agrochimico. Stiamo vincendo. E quindi vogliono cambiare gioco.

«Secondo l’ordine di esibizione, Monsanto avrebbe bisogno di tutte le nostre informazioni personali per difendersi nei processi in cui il glifosato è accusato di provocare il cancro. Se la cosa vi sembra assurda, non siete soli! Purtroppo però la loro richiesta è stata autorizzata da un tribunale statunitense, quindi non possiamo fare altro che procurarci urgentemente gli avvocati migliori. Dona ora per aiutare a difendere Avaaz e far capire a Monsanto che non ci faremo intimidire.

«Al mondo ci sono poche multinazionali più potenti di Monsanto. Il fatto che possiamo davvero tenergli testa e a volte sconfiggerli dimostra la concretezza e la potenza del nostro movimento cittadino. Se siamo uniti, con speranza e determinazione, POSSIAMO davvero cambiare il mondo.

«Con speranza e determinazione, Ricken, Emma, Fatima, Danny, Hui-Ting, Spyro, Marigona e tutto il team di Avaaz

«Maggiori informazioni:

«Glifosato: che botta!! (Avaaz)

«Monsanto-Bayer, stop dall’Ue alla fusione… fino a gennaio (Il Salvagente)

«Glifosato: le aziende produttrici stanno “comprando la scienza” (Rinnovabili)

«Roundup Monsanto e cancro: i due coraggiosi agricoltori che hanno portato la multinazionale in tribunale (GreenMe)».