Che non prevalga la predazione

4917
mare 82

Resiste ancora l'incapacità di distinguere la profonda differenza che corre nel percepire l'ambiente, e generalmente i beni comuni, come «cosa di tutti» (da rispettare ancora di più delle proprietà private, mancando ogni diritto del singolo a sottrarli definitivamente al resto dell'umanità), rispetto alla perversa percezione di «cosa di nessuno», quindi disponibile alla rapina del primo […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.