Ohrid, un lago dalle piogge di milioni d’anni fa…

763
La piattaforma di perforazione
La piattaforma di perforazione

Nei periodi del Quaternario, piovve tanto in inverno per effetto dei cambiamenti climatici… Ricostruite in dettaglio le variazioni climatiche e l’intera storia geologica del lago di Ohrid, il più antico lago d’Europa situato tra Albania e Macedonia del nord. I risultati dello studio, a cui ha partecipato anche l’Ingv, forniscono importanti informazioni sulla storia climatica del Mediterraneo

Durante i periodi caldi del Quaternario (interglaciali) le precipitazioni invernali sono aumentate nella regione del nord Mediterraneo, molto probabilmente a causa delle alte temperature della superficie marina ed effetti analoghi potrebbero verificarsi nel prossimo futuro a seguito del riscaldamento climatico indotto dalle attività umane.

È quanto afferma la ricerca internazionale Mediterranean winter rainfall in phase with African monsoons during the past 1,36 million years condotta nell’ambito dell’International Continental Drilling Program (Icdp) che vede tra i partner italiani l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), le Università di Pisa, Firenze, Bari, Reggio Emilia, Roma Sapienza e il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr). Lo studio è stato pubblicato sulla rivista «Nature».

«Il progetto è stato realizzato con l’obiettivo di ottenere nuovi dati per vincolare l’età e l’origine del lago di Ohrid (Ocrida), la storia climatica della regione mediterranea e le cause che sottendono l’elevato grado di endemismo e di biodiversità della zona — spiega Leonardo Sagnotti, Direttore del Dipartimento Ambiente dell’Ingv e coautore della ricerca —. A tal proposito sono state realizzate delle campagne di perforazione lacustre in una profondità d’acqua di 245 metri, che hanno consentito il recupero di 568 m di sedimenti al fondo del lago».

La localizzazione del lago e della perforazione
La localizzazione del lago e della perforazione

Il lago di Ohrid è famoso per la sua eccezionale biodiversità, con oltre 300 specie animali e vegetali endemiche che non si trovano in altri luoghi del mondo. «Integrando diverse tecniche scientifiche siamo arrivati ad avere una comprensione ben vincolata dei cambiamenti climatici e ambientali registrati nei sedimenti. È emerso che il lago ha iniziato a formarsi 1,36 milioni di anni fa ed è esistito con continuità da allora», prosegue Leonardo Sagnotti. La successione di sedimenti ha permesso quindi di ricostruire in dettaglio le variazioni climatiche e l’intera storia geologica del bacino lacustre.

«I modelli di simulazione climatica indicano che durante gli intervalli interglaciali si è intensificata la ciclogenesi, la formazione di zone di bassa pressione atmosferica, sul mediterraneo occidentale, soprattutto nei mesi autunnali. Questa condizione è dovuta con buona probabilità alle alte temperature della superficie marina, che porta a precipitazioni considerevolmente maggiori nelle regioni che bordano la sponda nord del mediterraneo. Effetti analoghi potrebbero verificarsi nel prossimo futuro a seguito del riscaldamento climatico indotto dalle attività umane».

Il team di ricerca è stato guidato dal prof. Bernd Wagner dell’Università di Colonia e coordinato per l’Italia dal prof. Giovanni Zanchetta del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa.

«Considerando che le proiezioni climatiche per i prossimi decenni a cura dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) indicano vari scenari plausibili per il futuro del clima nella regione mediterranea, i nuovi risultati scientifici ottenuti con il progetto di perforazione del lago di Ocrida costituiscono un importante supporto per vincolare meglio i modelli di previsione dell’evoluzione climatica futura per il Mediterraneo», conclude il ricercatore.

 

(Fonte Ingv)