Ritratto veneziano, il falso pittorico e la violenza

282
venezia maschera 90

Il mare come sfondo di una metafisica tra bene e male che governa, in senso manicheo, l’intera vicenda del racconto. Un delitto e la fuga verso il mare. La contessa Terzan fa della propria opera falsa un vanto. La celebrazione del figlio è un atto di devozione che non riesce a leggere gli orrori di […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.