Come comunicare l’ambiente?

1706
SCIENZE
Tempo di lettura: < 1 minuto

Si parla anche di questo al Festival delle Scienze di Roma che torna oggi per la sua XVIII edizione. L’evento è disponibile in diretta streaming

Si avvia oggi e termina il 23 aprile 2023 il Festival delle Scienze di Roma che torna all’Auditorium Parco della Musica «Ennio Morricone» con la sua XVIII edizione.

«Immaginari» è il tema di questa edizione dedicata all’immaginazione, uno degli strumenti più potenti che ci permette di concepire opere d’arte, nuove tecnologie e ci consente di trovare soluzioni a problemi quotidiani.

E anche la scienza non sarebbe la stessa se non avessimo come alleata l’immaginazione per avviare ricerche e formulare ipotesi, interpretare dati e perseguire risultati migliori. Ed è dalle interazioni delle immaginazioni individuali che emergono gli immaginari condivisi che influenzano il modo in cui organizziamo le società. Oggi più che mai abbiamo bisogno di coltivare questi immaginari, sia individuali sia collettivi, per ripensare il presente e, soprattutto, plasmare possibili futuri.

Un programma ricco di iniziative e di ospiti.

Con più di 100 ospiti, oltre 200 tra conferenze e laboratori, exhibit, spettacoli ed eventi per famiglie, infatti, la diciottesima edizione del Festival delle Scienze di Roma sarà dedicata agli immaginari. Immaginari da esplorare, da costruire, da sviluppare, facendo dialogare fra loro esperienze, approcci e discipline diverse.

E l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), partner scientifico dell’evento, organizza, all’interno della manifestazione, la conferenza del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa) dal titolo «Comunicare l’ambiente»: una mattinata di confronto con alcuni protagonisti del mondo dell’informazione e divulgazione ambientale per fare il punto su come stiamo raccontando l’ambiente attraverso i media e come saremo chiamati a farlo in futuro.

L’evento è disponibile in diretta streaming.

 

Elsa Sciancalepore