L’abolizione dell’Ici a danno della natura

223

Il Decreto cancella tutti gli stanziamenti che nella finanziaria 2008 erano destinati al fondo per la forestazione e la riforestazione; sopprime per intero il fondo per il ripristino dei paesaggi danneggiati da infrastrutture e abusi; riduce da 5 milioni a 700mila euro lo stanziamento per l’istituzione di nuove Aree Marine protette

«Un pesante salasso per le attività di protezione della natura e del paesaggio e per la gestione degli Enti di tutela»: così la Federparchi giudica il provvedimento del Governo (il Decreto legge n. 93 del 28 maggio scorso) che taglia molte previsioni di spesa già annunciate, per far fronte ai costi dell’esenzione dal pagamento dell’Ici.
In particolare, nella materia di competenza delle Aree protette, il Decreto cancella tutti gli stanziamenti (150 milioni di euro) che nella finanziaria 2008 erano destinati al fondo per la forestazione e la riforestazione; sopprime per intero il fondo (45 milioni di euro) per il ripristino