Un centro di ricerca nel campo della chimica verde

440

«Abbiamo attivato un percorso con il Dipartimento di chimica dell’Università della Calabria, diretta dal prof. Giovanni Sindona, per istituire un centro funzionale che faccia ricerca nel settore della chimica verde. Dopo anni di chimica pesante, pensiamo che Arpacal debba promuovere percorsi di eco-compatibilità come questi; è uno dei suoi compiti strategici».
È quanto dichiarato dal Direttore generale dell’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente della Calabria), prof. Vincenzo Mollace, in occasione della conferenza stampa di presentazione della prima edizione della manifestazione «Il Consumo responsabile e gli acquisiti verdi nelle scuole calabresi», dedicata alle scuole che si è svolta oggi alla Città dei Ragazzi di Cosenza per la promozione dei marchi di qualità ambientale.

«Questa manifestazione ? ha affermato Mollace ? è assolutamente una novità per la nostra Agenzia e segna l’avvio di un percorso che coinvolge le scuole e, quindi, le giovani generazioni per veicolare nelle famiglie calabresi i valori ambientali tra cui sicuramente quelli di una maggiore attenzione verso i consumi eco-compatibili; prodotti eco-compatibili, infatti, che sebbene abbiano un costo maggiore all’acquisto, rappresentano una opportunità nel percorso finale di smaltimento, con una ottima ricaduta sui costi che la collettività deve sopportare nella gestione del rifiuto».
Tra i marchi di qualità che l’Arpacal ha il compito di promuovere, per come peraltro previsto dalla legge istitutiva dell’agenzia ambientale calabrese, vi è anche il cosiddetto «green public procurement», ossia gli acquisiti verdi che le Pubbliche Amministrazioni, in base a normative di origine comunitaria, sono tenuti a fare nell’ambito delle proprie forniture di beni e servizi. «La nostra rete Emas-Ecolabel in Calabria di cui Arpacal è nodo di coordinamento ? ha commentato Mollace ? promuove nelle pubbliche amministrazioni questa nuova possibilità, fornendo il proprio supporto tecnico-scientifico anche per innovare le politiche eco-compatibili. Un esempio pratico è il nostro: l’Arpacal, lo dico con una punta d’orgoglio, è uno dei pochi enti in Calabria che, nella propria sede centrale ed in quelle dipartimentali, sta attivando tetti a pannelli fotovoltaici per rendere più autonoma dal punto vista energetico l’Agenzia, gravando meno sui costi e promuovendo in maniera concreta le energie rinnovabili».

La manifestazione, che ha visto una folta presenza di scolaresche della provincia di Cosenza, si è svolta nei diversi scrigni della Città dei ragazzi, con momenti ludico formativi ma anche con un seminario rivolto ai dirigenti scolastici in cui sono state illustrate le competenze di Arpacal e la convenienza strategica nello sposare la cultura dei marchi di qualità ambientali.

(Fonte Arpacal)
(27 Ottobre 2008)