«Uno sviluppo che non ci piace: cambiamo la rotta della Wto»

113

In occasione del vertice Wto a Hong Kong in atto una serie di iniziative per promuovere in Italia la mobilitazione per un commercio più giusto

Dal 13 al 18 dicembre i negoziatori ed i ministri incaricati di oltre 145 paesi si incontreranno per sostenere e rilanciare l’agenda dei negoziati commerciali in corso nell’Organizzazione mondiale del commercio. Ma con lo slogan «Uno sviluppo che non ci piace: cambiamo la rotta della Wto», le organizzazioni che promuovono Tradewatch (www.tradewatch.it) l’Osservatorio italiano sul commercio italiano – Campagna Riforma Banca Mondiale, Centro Internazionale Crocevia, Fair, Fondazione Culturale Responsabilità Etica, Mani Tese, Gruppo d’appoggio italiano al movimento contadino africano, Rete Lilliput, Roba dell’Altro Mondo – insieme a Arci, Aiab e Legambiente rilanciano in Italia la mobilitazione internazionale per