Le megalopoli europee divorano ambiente e producono smog

288

La sovraccrescita urbana rappresenta una sfida ambientale ignorata dell’Europa. Serve una politica comunitaria per il coordinamento di un’efficace pianificazione delle aree urbane. L’incessante e rapida sovraccrescita urbana rischia di compromettere l’equilibrio ambientale, sociale ed economico dell’Europa. È quanto afferma una nuova relazione resa nota oggi, a Copenaghen, dall’Agenzia europea dell’ambiente (Aea)

La relazione, intitolata «Urban sprawl in Europe. The ignored challenge» (La sovraccrescita urbana in Europa. La sfida ignorata), mostra come molti dei problemi ambientali in Europa derivino dalla rapida espansione delle aree urbane. L’economia globale, le reti di trasporto transfrontaliero, le grandi trasformazioni sociali, economiche e demografiche nonché le difformità nelle legislazioni nazionali relative all’ordinamento del territorio sono soltanto alcuni dei principali fattori di cambiamento dell’ambiente urbano. La relazione sollecita pertanto lo sviluppo di una politica a livello comunitario finalizzata al coordinamento e al controllo delle attività di pianificazione del territorio.

La sovraccrescita urbana o espansione urbana incontrollata si