«Dire e fare» si moltiplica in… tre

190

Rappresenta un punto di riferimento nel mondo multimediale senza limiti di età, perché coinvolge interi e numerosi gruppi di giovani ed adulti che vogliono mettere in atto le proprie capacità, condividendo le proprie esperienze e conoscenze sul territorio, guardando in modo ottimistico al futuro

«Dire e fare» è il sito realizzato dalla Regione Toscana e Anci Toscana che da dieci anni espongono i più svariati progetti innovativi realizzati dai comuni, province, agenzie statali ed enti pubblici e sanitari. Il sito ora si presenta in una nuova veste con l’occasione della nuova rassegna «Dire e Dare».

Questa rassegna vuole dare un impulso significativo alla crescita culturale on line. Infatti mette a confronto le esperienze, le idee e la volontà di rinnovamento delle varie aziende ed associazioni.
Per questo, organizzando convegni, mostre ed altri eventi, la pubblica amministrazione viene guardata attraverso linguaggi differenti: cinema, fotografia, musica. Questi garantiscono un ottimo cocktail di innovazione e qualità culturali.
Il sito inoltre è articolato in tre spazi: «Biennalina», il salone nazionale dell’infanzia, «Biennale toscana del paesaggio», infine «Nuova PA».
Ogni progetto quindi può trovare il proprio spazio per mostrare i propri contenuti e le proprie informazioni che corrono dall’ambito dell’infanzia a quello paesaggistico ambientale, fino a quello politico.
Un evento utile all’approccio verso tante di queste tematiche è la «Festa della Geografia», un incontro che celebra l’anno del pianeta Terra e vede lo scambio di opinioni tra ragazzi, adulti e professionisti.
«Dire e fare» rappresenta dunque un punto di riferimento nel mondo multimediale senza limiti di età, perché coinvolge interi e numerosi gruppi di giovani ed adulti che vogliono mettere in atto le proprie capacità, condividendo le proprie esperienze e conoscenze sul territorio, guardando in modo ottimistico al futuro.
Un traguardo importante di «dire e fare» è la raccolta di duemila progetti riguardanti i temi di innovazione nella pubblica amministrazione.

(Giulia Masiello)
(28 Agosto 2008)