L’informazione telefonica. Il numero verde Arpat

62

Dalla sua istituzione avvenuta nel 1999, il numero verde dell’Agenzia, 800-800400, costituisce un importante strumento per ascoltare gli utenti, siano essi cittadini,
aziende, studi di consulenza o enti pubblici.

Negli anni si è consolidato nel ruolo di riferimento certo e unico, verso il quale non solo esplicare un diritto indiscutibile di accesso a informazioni e dati ambientali, ma anche porre questioni su procedure e normative vigenti. L’Agenzia ha cercato di fornire, anche per quesiti di non stretta competenza (es. la sicurezza sul lavoro, l’edilizia privata, le vertenze tra privati, le richieste di intervento per disinfestazione da insetti, ecc.), i riferimenti utili attraverso le banche dati e la rete di rapporti con gli altri enti.
Sulla base delle chiamate ricevute viene alimentato un data base sintetico (un semplice file Excel) nel quale viene indicato, fra le altre informazioni, l’argomento oggetto della telefonata. Questo sistema permette un monitoraggio delle
problematiche ambientali sulle quali la molteplicità degli utenti pone più attenzione, siano questi eventi costanti, occasionali o stagionali. Un esempio sono le richieste da parte dei cittadini, nel periodo estivo, relative alle procedure di trattamento e smaltimento dell’eternit, oppure quelle legate al rumore
dovuto sia a fonti diffuse come il traffico veicolare, che puntuali come i cantieri edili.
Alcune richieste da parte di aziende di produzione e commercio di vegetali hanno riguardato la recente modifica del quadro normativo relativo al Registro Regionale Unico dei Produttori (Rrup) di competenza di Arpat.
Le richieste da parte di aziende edili, trasportatori di rifiuti, studi di consulenza e privati cittadini circa la normativa, le procedure e il ruolo di Arpat e degli altri enti per il riutilizzo di terre e rocce da scavo sono «spalmate» su tutto l’arco dell’anno con piccole differenze nei diversi periodi.

I dati del periodo Luglio ? Dicembre 2006
Il numero di utenti (cittadini, aziende, enti, ecc.) che si è rivolto al Numero verde nel secondo semestre del 2006 è pari a 1.546 che, insieme ai 1.458 del primo semestre danno un totale di 3.004.
Tale risultato mette in evidenza la tendenza all’incremento dei
contatti (nel corso di tutto il 2005 i contatti sono stati 2211).

Una nuova organizzazione del numero verde
La Direzione Generale ha recentemente deciso la temporanea riorganizzazione della gestione del numero verde dell’Agenzia 800-800400, attribuendone la responsabilità alla Uo
«Comunicazione e Informazione» del Dipartimento di Firenze e stabilendo altresì il coinvolgimento dei referenti Urp delle strutture territoriali (Dipartimenti e Servizi Subprovinciali)
e della Af Comunicazione e Informazione» della Direzione.
In definitiva si è deciso di gestire il numero verde in una
logica effettiva di rete, coinvolgendo direttamente ed in prima persona la rete dei referenti Urp e le altre competenze della comunicazione presenti in Agenzia.
Si tratta di una sperimentazione di particolare rilievo che necessita la disponibilità e flessibilità degli operatori e la messa a punto di strumenti di lavoro in rete (es. un data base di Faq ambientali sulla intranet dell’Agenzia).
Un gruppo di persone presenti su tutto il territorio regionale sta dando il proprio contributo con professionalità: Stefania Calleri (Firenze), Debora Badii (Arezzo), Tania Scardigli
(Empoli), Eva Bonini (Grosseto), Francesca Chiostri (Livorno), Monica Logli (Pisa), Daniela Cecchi (Pistoia), Carlotta Alaura, Silvia Angiolucci, e Gabriele Rossi (Direzione).