La green economy come risposta alla crisi ecomonica

235

Terra futura punta il dito contro rischi e squilibri e fa un appello per un’economia civile e solidale, una proposta di riforma dei mercati economico-finanziari che è il frutto di un percorso condiviso da tutti i partner dell’evento

Uno sviluppo insostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale: questa la denuncia del modello sino ad oggi dominante portata avanti in questi anni da Terra futura, la mostra convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità, che torna alla Fortezza da Basso di Firenze dal 29 al 31 maggio prossimi.
Una convinzione della cui verità profetica la crisi attuale è il segno tangibile, tanto da spingere l’intero sistema a chiedere un cambio di rotta, e che fa di Terra futura un appuntamento, ora più che mai, di fondamentale importanza e attualità. Soprattutto perché, oltre che puntare il dito