Clima-Le aziende IT possono fare di più

295

La classifica premia l’impegno del settore dell’Information tecnology sul fronte dei cambiamenti climatici. Nessuna azienda ha ottenuto un punteggio superiore a 50 su 100

Nell’ultima classifica di Greenpeace «Cool IT», che premia l’impegno del settore dell’information tecnology sul fronte dei cambiamenti climatici, nessuna azienda ottiene un punteggio superiore a 50 su 100. Con la conferenza di Copenhagen a poco più di un mese, i colossi dell’It come Google, Microsoft e Ibm non si stanno ancora impegnando per chiedere di ridurre le emissioni di gas serra.

Un chiaro sostegno alle richieste di forti riduzioni delle emissioni è un criterio chiave per ottenere un punteggio elevato all’interno della classifica, così come la capacità delle aziende di proporre soluzioni alla crisi climatica adottabili su larga scala e misurabili. Al primo posto c’è Ibm con un punteggio di 43 su 100, segue al secondo posto Hp e Fujitsu al terzo. Google, appena entrata nella classifica è al quarto posto con 32.

Il rapporto «Smart 2020», commissionato dalla stessa industria It, mostra chiaramente che soluzioni It amiche del clima hanno le potenzialità per ridurre le emissioni globali di gas serra del 15% entro il 2020.

«Sebbene il settore It potrebbe trarre profitto da forti obiettivi di riduzione delle emissioni, purtroppo non sta facendo abbastanza per sfruttare questo potenziale e guidare il processo verso un’economia a bassa intensità di carbonio. – commenta Melanie Francis,responsabile campagna Clima di Greenpeace international – Giganti dell’It devono far sentire il proprio peso per un accordo forte a Copenhagen, o le possibilità di salvare il clima andranno perdute a causa delle pressioni negative dell’industria sporca».

Dalla classifica di Greenpeace emerge che Ibm mantiene il primo posto grazie alla vasta gamma di soluzioni per il clima e all’impegno a ridurre le proprie emissioni, ma Hp è a solo un punto di distanza. Sia Hp che Toshiba hanno mostrato buoni progressi nel fornire più informazioni su come le soluzioni proposte siano in grado di ridurre le emissioni globali. Dell, Nokia e Sony, invece, hanno fallito ancora nel migliorare la propria posizione. Sharp si è distinta come l’unica azienda giapponese che abbia lodato l’impegno del proprio Governo a ridurre le emissioni del 25% entro il 2020.

Google ha fissato un piano per ridurre le proprie emissioni al 2030, ma non si è ancora espressa pubblicamente affinché sia raggiunto un accordo stringente a Copenhagen. Al contrario, l’amministratore delegato di Eriksson ha già rilasciato importanti dichiarazioni sull’urgenza di affrontare il problema dei cambiamenti climatici.

La prossima classifica «Cool It» sarà diffusa nei primi mesi del 2010 e comprenderà molte nuove aziende del settore.

(Fonte Greenpeace)