«Sconcerto» per l’Ambiente

228

Uno spettacolo che si terrà il 21 novembre presso il Teatro Orione, dedicato completamente allo sgomento che si prova di fronte ai disastri ambientali a cui si sta assistendo

Spettacolo promosso dall’associazione di volontariato «We have a dream», che nasce dalla volontà di sensibilizzare le persone su temi riguardanti valori etici, sociali, umanitari, animalisti e ambientalisti. Un’associazione che opera da anni in modo trasparente, indipendente e democratico.

L’evento previsto per il prossimo mese è dedicato completamente all’ambiente e nello specifico allo sgomento che si prova di fronte ai disastri a cui si sta assistendo.

L’iniziativa, assolutamente originale a partire dal brillante gioco di parole del titolo, è sostenuta da enti, società private e pubblica amministrazione come la provincia del Lazio, Ecoradio, il Centro musicale Roma, e altri ancora.

Tutto si svolgerà presso il Teatro Orione di Roma. Ci saranno i Degress of fredoom, accompagnati dalla voce di Silvia Crescentini e dal sax di Lorenzo Perracino, i Queenalive e altri gruppi musicali. Previsti momenti di magia, una mostra artigianale, una fotografica e vari spettacoli di danza.

Ospite della serata il dott. Stefano Montanari. Ricercatore, autore di importanti libri ed esperto nel campo delle nanoparticelle e delle patologie da queste causate. Si aprirà un vero e proprio dibattito moderato da David Gramiccioli, portavoce del dott. Montanari e conduttore di Tele radio stereo. Si parlerà degli inceneritori, di quanto questi siano pericolosi e delle possibili alternative.

Tutte le esibizioni e la stessa tavola rotonda sarà accessibile gratuitamente sebbene sia prevista una donazione libera. Quanto ricavato sarà destinato all’Associazione per la realizzazione di nuove iniziative e alla ricerca svolta dal dott. Montanari.

In un angolo del Teatro verrà allestito un tavolo informativo dell’Associazione con l’obiettivo di comunicare direttamente con le persone e trasmettere loro idee, spunti, energia e voglia di fare di questo mondo un mondo migliore.