Vacanze ecosostenibili: idee in Trentino

131

Chi non ci ha pensato comincia a farlo, dall’acquisto dell’auto alla scelta del soggiorno. Gli invitanti hotel ecologici della valle di Primiero-Vanoi, nei pressi della zona di San Martino di Castrozza, nei pressi di Gargazzone (BZ) o a Vandoies di Sopra, non lontano dal confine con l’Austria

Con le vacanze di Natale state pensando di godere dei panorami alpini italiani, facilmente raggiungibili e più economici di altre mete estere, che richiederebbero di acquistare biglietti aerei last-minute con elevate tariffe natalizie? E la vostra macchina diventa il mezzo più pratico per raggiungere le montagne.
Magari avete appena acquistato un’auto usata, Audi A4 o Fiat Panda che sia: questo è un primo passo nel risparmio sulle emissioni di CO2, derivante dal fatto che a livello produttivo non si sia costruita una nuova vettura con annesso consumo energetico. Ma gran parte delle successive emissioni durante la vostra vacanza deriveranno dall’uso che farete della vettura e dalla vostra coscienza ecologica.
Una volta arrivati a destinazione, dunque, il miglior modo per limitare le emissioni sarà parcheggiare l’auto e godervi le vette mozzafiato circostanti in tutti i modi più naturali, tra passeggiate e cavallo. Ma non tutte le aree alpine propongono un turismo ecosostenibile.
Tra tutte le zone italiane, sono il Trentino e le sue Dolomiti a proporsi come i territori alpini più virtuosi nel coniugare turismo e mobilità sostenibile. Più in particolare, la valle di Primiero-Vanoi ora conta su un accordo con Renault per la fornitura di servizi pubblici interamente ad alimentazione elettrica, anche adibiti al servizio car-sharing. Sempre nei paraggi, la zona di San Martino di Castrozza copre il 90% del suo fabbisogno energetico tramite un teleriscaldamento a biomassa legnosa, un motivo in più per alloggiare in questa suggestiva località dolomitica.
E per rilassarvi completamente senza dover preoccuparvi ai movimenti nelle zone circostanti, vi sono strutture uniche quali gli hotel ecologici, che in Trentino stanno proliferando: il Theiner’s Garten Bio VitalHotel, nei pressi di Gargazzone (BZ) è il primo ClimaHotel italiano, eco-compatibile e completamente in materiali naturali, ed offre vini e cibo bilogici. E poi, nei pressi di Vandoies di Sopra, non lontano dal confine con l’Austria, si trova il Tauber’s Bio Vital Hotel, costruito in bioarchitettura ed anch’esso con deliziosi piatti biologici.
Tenendo in mente che a questi consigli si aggiungono anche tantissime altre possibilità tutte da scoprire per vacanze sostenibili in Trentino, quest’inverno non vi resterà che raggiungere queste zone per un turismo che sia veramente in sintonia con la natura.