I boschi lucani al Moma di New York

151

Un video realizzato nei boschi della Basilicata «gira» da un mese al Moma di New York: il Museum of Modern Art che si trova a Manhattan, sulla 53ª strada, tra la Quinta e la Sesta Avenue

La collezione del museo, considerato il principale museo d’arte moderna del mondo, propone un’incomparabile visione d’insieme dell’arte moderna e contemporanea mondiale poiché ospita progetti d’architettura e oggetti di design, disegni, dipinti, sculture, fotografie, serigrafie, illustrazioni, film e opere multimediali. La biblioteca e gli archivi del Moma raccolgono oltre 300.000 libri e periodici, oltre alle schede personali di più di 70.000 artisti.
E tra queste opere, dallo scorso 20 aprile, c’è anche «Alberi», il documentario girato dal regista Michelangelo Frammartino che ha come protagonista ‘u rumit, l’uomo albero di Satriano, una delle maschere tradizionali del carnevale lucano. «Alberi» riporta in vita un antico rito arboreo, mettendo in scena la figura del romito, l’uomo albero, trasformatasi nei secoli in una maschera ormai dimenticata dalle nuove generazioni. «Alberi» è una cine-installazione pensata in continuo loop, senza un inizio e una fine.
«Alberi» è stato prodotto con il supporto dell’Ente Parco dell’Appennino Lucano-Val d’Agri-Lagonegrese, Lucana Film Commission, Comune di Armento, Comune di Satriano di Lucania, Gal Csr Marmo Melandro.
Riconosciuto di interesse culturale dal ministero per i Beni e le Attività culturali, «Alberi» sostiene la candidatura di Matera a capitale europea della cultura 2019.