Consultazione on line per i cambiamenti climatici

171
foto di Angelo Perrini

Il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha affidato al Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici il coordinamento tecnico-scientifico della Strategia, che si è concretizzato nell’istituzione di un Tavolo Tecnico composto da circa cento esperti provenienti da università, enti di ricerca e fondazioni

Il documento strategico «Elementi per una Strategia Nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici», presentato ufficialmente dal Ministro dell’Ambiente On. Andrea Orlando, contiene la bozza della Strategia nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici in Italia, predisposta attraverso un approccio multidisciplinare, condiviso tra le istituzioni e con il supporto del mondo accademico e scientifico.
Il documento viene presentato all’opinione pubblica al fine di raccogliere le istanze di tutti i portatori di interesse ed integrarle nel processo di elaborazione della Strategia che proseguirà nel corso del 2014. La bozza della Strategia è ufficialmente aperta alla consultazione pubblica dal 30 ottobre al 31 dicembre 2013 tramite una piattaforma di revisione on-line dedicata.
Il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha affidato al Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici il coordinamento tecnico-scientifico della Strategia, che si è concretizzato nell’istituzione di un Tavolo Tecnico composto da circa cento esperti provenienti da università, enti di ricerca e fondazioni. Il Tavolo Tecnico ha raccolto e sintetizzato le conoscenze scientifiche disponibili a livello nazionale e predisposto gli elementi di base della Strategia.
Un Tavolo istituzionale composto dai rappresentanti dei Ministeri e altre amministrazioni pubbliche centrali e locali, ha guidato il lavoro svolto dal Tavolo tecnico contribuendo alla elaborazione del documento strategico. Tale documento, data la sua natura preliminare, non è completo in tutti i suoi elementi, con particolare riferimento al trattamento delle incertezze scientifiche e agli aspetti intersettoriali dell’adattamento, i quali verranno finalizzati nel corso dei prossimi mesi grazie anche ai contributi ricevuti attraverso la consultazione pubblica.
Prima di questa consultazione il Mattm aveva lanciato un questionario on-line dal 1° ottobre al 15 novembre 2012 per conoscere le opinioni della società sui rischi dei cambiamenti climatici e sulle principali necessità di adattamento percepite. Il questionario è stato elaborato da un gruppo di lavoro del Cmcc, e i relativi risultati informeranno le fasi future dello sviluppo della Strategia.