Si soffre fino a martedì

239
foto di Angelo Perrini

Da mercoledì e fino a giovedì situazione di cielo sereno o variabile su gran parte delle regioni italiane, al nord tornerà il rischio delle gelate notturne lungo le valli e nei pressi dei corsi d’acqua

La settimana appena trascorsa è stata una vera settimana invernale, con vento gelido e nevicate soprattutto al nord anche a livelli collinari. Ancora piogge, localmente anche intense, hanno interessato le regioni adriatiche, dalle Marche alla punta estrema dello stivale. Le temperature fino a mercoledì scorso sono scese sotto la media stagionale di 3 o 4 gradi.
Poi da venerdì hanno ripreso a salire. Una nuova perturbazione atlantica ha però guastato la festa soprattutto sul settore nord occidentale, portando addirittura la neve in pianura. Nevischio su Torino e Milano.
Successivamente la perturbazione ha interessato le restanti regioni settentrionali. Al sud invece si è formato un vortice di bassa pressione che ha fatto registrare forti raffiche di vento (Grecale) e forti piogge soprattutto tra la Puglia, la Calabria ionica e la Sicilia orientale. Allagamenti e qualche frana anche questa volta, ma vediamo cosa ci riserba dicembre.

Le previsioni

Prosegue la cellula di bassa pressione al sud e su parte dell’Adriatico centro meridionale. Piogge localmente anche di forte intensità sono previste ancora tra la Sicilia orientale e la Calabria ionica, stessa cosa tra l’Abruzzo e il Molise. Nevicate su tutta la bassa dorsale appenninica. I mari meridionali da mossi a burrasca.
Al Nord e su Toscana e parte del Lazio e dell’Umbria invece prevarrà il variabile. Le temperature si porteranno sulle medie stagionali. Martedì dovrebbe essere l’ultimo giorno del vortice depressionario al sud, anche se sono previste forti piogge nel primo mattino ancora su Calabria ionica e Sicilia orientale. In serata però la situazione in queste regioni dovrebbe migliorare. A causa del mare agitato difficili saranno i collegamenti con le isole minori.
Da mercoledì e fino a giovedì situazione di cielo sereno o variabile su gran parte delle regioni italiane, al nord tornerà il rischio delle gelate notturne lungo le valli e nei pressi dei corsi d’acqua. Verso la notte di giovedì e per tutto venerdì correnti atlantiche porteranno piogge a partire dalla Liguria per poi distribuirsi su tutte le regioni tirreniche centrali.
Bel tempo invece al Sud e sulla Sicilia, mentre sulla Sardegna ancora variabilità e qualche locale piovasco.
Nel prossimo week end temperature invernali, cieli da poco nuvolosi a sereni, gelate notturne, ma nessun nubifragio in vista.
Le regioni adriatiche invece risentiranno del maltempo che imperverserà sull’Europa dell’Est per cui sarà possibile la ricomparsa della Bora, nonché la possibilità di copiose nevicate sulle Alpi Orientali. I mari del sud non saranno più di burrasca, ma saranno comunque ancora mossi. Da poco mossi a mossi tutti gli altri mari.