Tempo incerto ma al Nord pioggia

140

Per il prossimo week end sconsigliati i picnic in campagna, un po’ ovunque infatti si prevedono cieli coperti e locali piogge anche al sud. Le temperature tuttavia resteranno sui valori stagionali. I mari generalmente poco mossi, mossi ancora quelli dell’alto e medio Adriatico

Avevamo previsto che il vortice depressionario che tra mercoledì e venerdì si sarebbe formato sul Mediterraneo a causa di aria calda africana e più fredda proveniente dal nord, avrebbe scaricato la sua energia tra la Sardegna e le coste tirreniche della penisola. Invece ha scaricato prima tutta la sua pioggia tra la Sardegna e la Corsica apportando nubifragi, allagamenti e frane. Tra la Liguria e il Lazio, per fortuna solo piogge, ma non violente come si temeva. Anche la Calabria e la Sicilia orientale hanno subito forti piogge e qualche temporale, ma per fortuna l’allerta è presto rientrata. Sabato e domenica scampato il pericolo, anche se sono cadute piogge, soprattutto domenica, ma che non hanno creato problemi. Sarà così anche la prossima settimana?

Le previsioni

Quella che ci si prospetta è una settimana classica autunnale, con qualche pioggia soprattutto al nord, temperature in linea con le medie stagionali e mari tendenzialmente poco mossi a parte che verso la fine della settimana per l’arrivo di venti di bora, che da poco mossi passeranno a mossi o agitati. Su molte città del nord si dovranno sopportare le prime giornate uggiose autunnali, mentre al centro e al sud si registreranno cieli a tratti coperti e qualche pioggia, ma anche ampi rasserenamenti. Vediamo ora la situazione nel dettaglio:
Lunedì: cieli prevalentemente coperti su gran parte delle regioni settentrionali e su parte di quelle centrali con qualche pioggia locale. Al sud variabile–sereno. Al nord lungo le valli e le pianure appariranno le prime foschie di stagione e qualche banco di nebbia. I mari generalmente poco mossi. Temperature nella media stagionale.
Martedì: situazione di moderata instabilità al centro, con qualche pioggia tra la Toscana e il Lazio. Più instabile la situazione meteo al nord con possibili temporali tra la Liguria, la bassa Lombardia e l’Emilia Romagna. Resta generalmente bello al sud. Temperature nella media stagionale. I mari generalmente poco mossi, con moto ondoso in aumento quelli della Liguria e del Tirreno settentrionale.
Mercoledì: insiste l’instabilità meteo al nord e in particolare sul settore nord orientale con inevitabili piogge e qualche temporale soprattutto sul Triveneto. Anche al centro, tuttavia, si prevedono cieli a tratti coperti con qualche pioggia, anche se di moderata intensità. Variabile al sud con un aumento della nuvolosità tra la Sicilia orientale e la Calabria Ionica. Qui i mari localmente mossi, poco mossi gli altri mari. Al nord temperature minime leggermente sotto la media stagionale, regolari altrove.
Giovedì: un generale peggioramento del tempo su quasi tutte le regioni, più forte sul settore nord occidentale e tra la Toscana, l’Emilia e le Marche, ma senza precipitazioni eccessivamente rilevanti. Nel pomeriggio la situazione meteo peggiora anche su parte della Calabria e della Sicilia con possibili piogge. I mari localmente mossi, anche quelli meridionali. Le temperature comunque restano nella media stagionale.

Attendibilità al 70%

Venerdì: un ulteriore peggioramento del tempo sul settore nord orientale e sull’Alto Adriatico a causa dell’ingresso di venti di Bora. Qualche scorcio di sereno tuttavia interesserà le regioni nord occidentali e al centro la Toscana. Peggiora invece il tempo sull’Abruzzo e il Lazio dove saranno possibili nelle zone a ridosso dei rilievi piogge anche intense. Variabile con locali addensamenti nuvolosi e qualche pioggia tra la Puglia, la Calabria e la Sicilia. Il mar Adriatico mosso, da poco mossi a mossi gli altri mari. Le temperature al nord in flessione verso valori più bassi. Stazionarie altrove.
Week End: sconsigliati i picnic in campagna, un po’ ovunque infatti si prevedono cieli coperti e locali piogge anche al sud. Le temperature tuttavia resteranno sui valori stagionali. I mari generalmente poco mossi, mossi ancora quelli dell’alto e medio Adriatico.