Ecco le nostre emissioni di gas serra

275

Il National Inventory Report ha il compito di facilitare i processi internazionali di verifica a cui le stime di emissione dei gas serra sono sottoposte al fine di esaminarne la rispondenza alle proprietà di trasparenza, consistenza, comparabilità, completezza e accuratezza nella realizzazione, qualità richieste esplicitamente dalla Convenzione

È stato pubblicato il documento «Italian Greenhouse Gas Inventory 1990-2013. National Inventory Report 2015» redatto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra).
Il documento descrive la comunicazione annuale italiana, anche trasmessa all’Unione europea (Ue), dell’inventario delle emissioni dei gas serra in accordo a quanto previsto nell’ambito della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (Unfccc), del protocollo di Kyoto.
Quello che impone la Convenzione è che ogni Paese che partecipa alla cosa debba fornire annualmente l’inventario nazionale delle emissioni dei gas serra, documentare in un report, il National Inventory Report, la serie storica delle emissioni.
La documentazione si articola nella spiegazione degli andamenti osservati, nella descrizione dell’analisi delle sorgenti principali e l’incertezza ad esse associata, con un riferimento alle metodologie di stima e alle fonti dei dati di base nonché ai fattori di emissione utilizzati per le stime; inoltre il report va a definire un’illustrazione del sistema di Quality Assurance/Quality Control a cui è soggetto l’inventario e le attività di verifica effettuate sui dati.
Il National Inventory Report inoltre ha il compito di facilitare i processi internazionali di verifica a cui le stime di emissione dei gas serra sono sottoposte al fine di esaminarne la rispondenza alle proprietà di trasparenza, consistenza, comparabilità, completezza e accuratezza nella realizzazione, qualità richieste esplicitamente dalla Convenzione.
E nel caso in cui, durante il processo di recensione, siano identificati eventuali errori nel formato di trasmissione o stime non supportate da adeguata documentazione e giustificazione nella metodologia scelta, bene allora il Paese esaminato dovrà effettuare una revisione delle stime di emissione.
Ma vediamo più da vicino quelli che sono stati i risultati ottenuti e documentati nell’«Italian Greenhouse Gas Inventory 1990-2013. National Inventory Report 2015».
Da un’analisi di sintesi della serie storica dei dati di emissione dal 1990 al 2013, si evidenzia che le emissioni nazionali totali dei sei gas serra, espresse in CO2 equivalente, sono diminuite del 16,1% nel 2013 rispetto al 1990.
In particolare, le emissioni complessive di CO2 sono pari all’82,4% del totale e risultano nel 2013 inferiori del 17,4% rispetto al 1990. Le emissioni di metano e di protossido di azoto sono pari a circa il 10,1% e 4,4% del totale, rispettivamente, e presentano andamenti in diminuzione sia per il metano (-18,3%) sia per il protossido di azoto (-29,6%). Gli altri gas serra, HFC, PFC, SF6 e NF3, hanno un peso complessivo sul totale delle emissioni che varia tra lo 0,01% e il 2,6%; le emissioni degli HFC evidenziano una forte crescita, mentre le emissioni di PFC decrescono e quelle di SF6 e NF3 mostrano un lieve incremento. Sebbene tali variazioni non sono risultate determinanti ai fini del conseguimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni, la significatività del trend degli HFC potrebbe renderli sempre più importanti nei prossimi anni.
Un ruolo fondamentale quello svolto dal monitoraggio delle emissioni dei gas serra nell’ambito degli strumenti e delle politiche per fronteggiare i cambiamenti climatici, monitoraggio garantito, in Italia, dall’Ispra oltre che dal lavoro delle Agenzie regionali e provinciali per la protezione dell’ambiente che redigono inventari regionali sostanzialmente coerenti con l’inventario nazionale di riferimento.
I dati di emissione dei gas-serra, sono pubblicati sul sito web del Segretariato della Convenzione sui Cambiamenti Climatici e la serie storica nazionale delle emissioni è anche disponibile sul sito web.