10 nuove intuizioni sulla scienza del clima chiedono ascolto

918
antartide ghiacciai clima

Il rapporto evidenzia i progressi più recenti degli ultimi 12 mesi nella comprensione scientifica dei fattori trainanti, degli effetti e degli impatti dei cambiamenti climatici, nonché delle risposte della società

Il ritmo dell’aumento delle concentrazioni di gas a effetto serra non ha precedenti nella storia del clima negli ultimi 66 milioni di anni e gli estremi meteorologici sono la «nuova normalità», questo secondo alcuni degli ultimi risultati della scienza del clima inseriti in un Rapporto per negoziatori, politici e media per il vertice Cop25 a Madrid.

Le «10 nuove intuizioni sulla scienza del clima» sono state presentate alla segretaria esecutiva della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Unfccc), Patricia Espinosa.

Il rapporto evidenzia i progressi più recenti degli ultimi 12 mesi nella comprensione scientifica dei fattori trainanti, degli effetti e degli impatti dei cambiamenti climatici, nonché delle risposte della società ed è redatto dal Future Earth e da The Earth League, due importanti organizzazioni internazionali che rappresentano reti di scienziati della sostenibilità globale.

Johan Rockström, direttore dell’Istituto di ricerca sull’impatto climatico di Potsdam e coautore del Rapporto afferma come «l’intuizione chiave della scienza del clima è che l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C sia un confine planetario che attraversiamo a nostro rischio e pericolo, mettendo a rischio tutte le generazioni future. Le osservazioni della Terra mostrano che i grandi sistemi con punti di mutamento noti sono già ora in atto, a 1°C di riscaldamento, in procinto di cambiamento potenzialmente irreversibile, come lo scioglimento accelerato delle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide occidentale, l’essiccazione delle foreste pluviali e lo scongelamento del permafrost artico».

Ognuno dei 10 capitoli del Rapporto è stato esaminato da alcuni dei principali scienziati in materia e questo per fornire un sommario affidabile, accurato e imparziale delle ultime conoscenze scientifiche in materia clima.

Queste intuizioni arrivano dopo due rapporti di riferimento nel 2019 del gruppo intergovernativo su cambiamenti climatici, cambiamenti climatici e terra e oceano e criosfera in un clima che cambia, nonché «Uniti nella scienza», una sintesi scientifica rilasciata dalle principali organizzazioni mondiali di scienze climatiche a settembre 2019.

I 10 nuovi approfondimenti sulla scienza del clima 2019 riguardano quindi:

Le persone devono comprendere le basi della scienza del clima. In un mare di voci in competizione, la scienza deve essere un linguaggio comune. Ci stiamo avvicinando a una serie di punti di non ritorno e dobbiamo agire con urgenza, questo il monito di Patricia Espinosa.

E. S.