Il 72% degli italiani teme più il clima che il Covid

1053
pandemia covid19 virus

Dall’ultimo sondaggio Ipsos emerge una consapevolezza dei problemi ambientali che è più presente nei cittadini che nelle leggi che li governano. Il distacco politica-società reale non accenna a diminuire

Secondo l’ultimo sondaggio Ipsos, il 72% degli italiani è convinto che il cambiamento climatico sia un problema più serio della pandemia Covid-19 e oltre l’80% ritiene che il governo dovrebbe considerarlo un fattore primario per il rilancio economico del Paese.

Ancora una volta il punto di vista dei cittadini diverge da quello dei gestori della cosa pubblica mostrando una maturità e una competenza che, purtroppo va detto, ai politici manca. Di distacco della politica dai problemi collettivi, se ne parla da tempo, e con governi di tutti i colori.

Non solo, ma il gradimento è lontano dal realizzarsi. Questo è un elemento preoccupante soprattutto per la stabilità sociale.

Gli altri dati salienti del sondaggio sono:

  • 8 italiani su 10 sono convinti che il cambiamento climatico sia dovuto alle attività umane e che si prospetta un disastro ambientale se non ci sarà un cambiamento di abitudini;
  • Anche in periodo di emergenza, la sostenibilità è rimasta un elemento importante nelle scelte di acquisto della quasi totalità dei consumatori (93%). E il 56% dichiara che lo sarà ancor di più in futuro;
  • In particolare, fra le emergenze ambientali, il 95% degli italiani punta il dito contro il problema plastica, con il 56% che ne parla addirittura in termini molto gravi. Così, cresce la percentuale di coloro che si impegnano attivamente per limitarne l’uso (70%, + 9% Vs 2018) e la consapevolezza delle pratiche di riciclo e di riuso e di soluzioni alternative;
  • Aumenta la fiducia nel ruolo delle tecnologie: secondo il 76% degli italiani in futuro sarà possibile individuare tecniche che permetteranno di accelerare la degradazione della plastica.

Il 72% degli italiani considera il cambiamento climatico un problema più serio sul lungo periodo della pandemia Covid-19. Non solo: oltre l’80% ritiene che il governo dovrebbe considerare il problema ambientale come primario per il rilancio economico del Paese. Sono questi alcuni dei risultati più interessanti emersi dall’ultima ricerca Ipsos su sostenibilità e ambiente nel post confinamento. Lo studio ha voluto indagare se le paure per le conseguenze sanitarie ed economiche dovute allo scoppio della pandemia abbiano diminuito la sensibilità e l’attenzione degli italiani rispetto ai temi ambientali.

Cambiamento climatico Vs Covid. Partita aperta?

Da quanto emerge dal sondaggio, per gli italiani il cambiamento climatico rimane un problema centrale, che richiede priorità di intervento, anche a livello di agenda di governo, per scongiurare possibili disastri futuri. L’80% degli intervistati teme, infatti, il verificarsi di una sciagura ambientale se non verranno messi in atto provvedimenti efficaci e se non ci sarà un cambiamento di abitudini nella popolazione. L’imputata principale resta, infatti, l’attività umana, ritenuta da 8 italiani su 10 come la principale responsabile della situazione attuale.

Anche nella fase emergenziale, la sostenibilità ambientale è rimasta un elemento importante nelle scelte di acquisto della quasi totalità dei consumatori (93%). L’85%, inoltre, dichiara di voler fare la propria parte, privilegiando prodotti migliori per la salute e per l’ambiente. Un atteggiamento di crescente attenzione nelle scelte di consumo che, secondo il 56% degli intervistati, è destinato ad aumentare ulteriormente nel prossimo futuro.

La plastica redenta?

La crisi sanitaria ha messo fortemente al centro la necessità di avere prodotti «sicuri», preservando oggetti e cibo da contaminazioni, tramite l’adozione di mascherine, di guanti, di confezionamenti che assicurino massima tranquillità. «Questo molto spesso ha significato un largo ricorso a prodotti usa e getta in plastica. Secondo recenti stime sarebbero già oltre 500mila le tonnellate di guanti e mascherine da smaltire a seguito dell’emergenza — ha commentato Andrea Alemanno, Senior Client Officer di Ipsos —. Per questo abbiamo voluto indagare anche se la popolazione sia ancora diffidente verso gli imballaggi di plastica o se questa sensibilità sia finita in secondo piano a causa della situazione di forza maggiore».

Il sondaggio ha, invece, confermato che il 95% degli italiani continua a ritenere la plastica un problema serio, e cresce addirittura la preoccupazione generale con il 53% che definisce la situazione già oggi molto grave (+3% Vs rilevazione 2018). L’emergenza Covid non sembra, dunque, aver fatto passare in secondo piano la preoccupazione per l’accumulo di rifiuti plastici. Continua, infatti, a crescere il numero di persone che dichiarano di impegnarsi attivamente per limitare il consumo di plastica (70%, Vs 61% 2018) e diminuiscono invece coloro che non sanno come farlo, indice di una maggiore consapevolezza generale delle pratiche di riuso e riciclo, così come di soluzioni alternative.

«Un’ultima nota interessante viene dal ruolo della tecnologia, oggi ritenuta sempre più come un possibile alleato contro il cambiamento climatico — ha aggiunto Enrica Tiozzo, Senior Client Officer di Ipsos —. Cresce nelle persone la fiducia di poter fare qualcosa, non solo in ottica preventiva ma anche risolutiva. Magari proprio attraverso il progresso scientifico. Ad esempio, ben 76% degli italiani oggi è convinto che in futuro sarà possibile individuare nuove tecniche che permetteranno di accelerare la degradazione della plastica. Una speranza che sempre più persone accompagnano con un impegno concreto nella loro quotidianità».

R. V. G.