Argille, terremoti e tsunami

386
etna quinta eruzione1

Ingv, dai mari della Nuova Zelanda una importante scoperta Analizzati con un nuovo metodo presso i laboratori Ingv i sedimenti argillosi provenienti dal margine di subduzione neozelandese di Hikurangi, zona in passato luogo di tsunami e terremoti En English I materiali argillosi delle faglie presenti nelle zone di subduzione, cioè dove una placca tettonica scivola […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.