Greenpeace blocca carico di olio di palma verso l’Olanda

220

La deforestazione delle foreste umide è la conseguenza immediata dell’espansione della monocoltura della palma da olio. Il carbonio rilasciato dagli incendi delle foreste e della torba ha fatto dell’Indonesia il terzo paese quanto a emissioni di CO2, subito dopo gli Stati Uniti e la Cina

«Crimine Forestale» e «Crimine contro il Clima», la scritta ha marcato le cisterne della nave Gran Couva, carica di olio di palma destinato all’impresa olandese Wilmar.

La nave, bloccata questa notte dagli attivisti di Greenpeace, era in partenza dal porto di Dumai, nell’isola di Sumatra, e destinata all’Olanda.
«Il governo e le imprese devono fermare la conversione di foreste e torbiere in piantagioni di palma da olio. Senza un impegno serio le foreste e il clima saranno seriamente minacciati.

Immensi tratti di foresta nella regione di Papua sono già in pericolo ? ha dichiarato Bustar Maitar,